La guerra del latte con le gang di New York, agenti colpiti da bottiglie nel Bronx

Durante alcuni interventi d'emergenza, invece di ringraziare gli agenti, alcune persone li colpiscono versando latte sulle loro divise scure o tirando direttamente le bottiglie di vetro

lanci bottiglie latte gang new york
ISLAM DOGRU / ANADOLU AGENCY
Polizia, New York

È scoppiata la "guerra del latte" e nel mirino sono finiti i famosi poliziotti del New York Department, diventati bersaglio di un'insolita protesta: durante alcuni interventi d'emergenza, invece di ringraziare gli agenti, alcune persone li colpiscono versando latte sulle loro divise scure o tirando direttamente le bottiglie di vetro.

Da settimane il "latte" è diventata un'"arma" in mano alle gang di New York. Gli agenti adesso hanno detto basta, dopo che è finito sulla rete l'ennesimo video che registra la bravata nei loro confronti, con risate di sottofondo. L'episodio è avvenuto nel Bronx: intervenuti per evacuare un palazzo, dopo un allarme incendio scoppiato al sesto piano, mentre un centinaio di pompieri era al lavoro, i poliziotti impegnati a recintare la zona sono stati colpiti dal lancio di due litri di latte e di bottiglie intere.

Nel video, pubblicato su Instagram, si vedono alcune persone prendere di mira gli agenti e ridere. "Ehi, hanno preso il latte", urla uno. Ci sono stati momenti di tensione. Il sindacato poliziotti ha preso posizione: "Sta diventando impossibile fare il nostro lavoro, anche nelle emergenze. Veniamo chiamati per garantire la sicurezza dei cittadini, ma questo non interessa. Vogliono sfidarci. Se continueranno a ostacolarci, finirà che ci saranno vittime proprio perché ci impediscono di intervenire".

Sui social è stato diffuso l'identikit dell'ultimo lanciatore di latte. È stata messa anche una ricompensa di 2500 dollari a chi fornirà informazioni utili. Il capo della polizia, James O'Neill, è stato chiaro: "Queste azioni avranno delle conseguenze. Da ora in poi sarà tolleranza zero".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it