La tregua dura poche ore, Gaza sotto le bombe

(AGI) - Gerusalemme - Si e' subito richiuso lospiraglio per una cessazione delle ostilita' tra Israele eHamas. Il governo di Benjamin  [...]

La tregua dura poche ore, Gaza sotto le bombe

(AGI) - Gerusalemme, 15 lug. - Si e' subito richiuso lospiraglio per una cessazione delle ostilita' tra Israele eHamas. Il governo di Benjamin Netanyahu aveva accettatol'iniziativa egiziana per un cessate il fuoco a partire daquesta mattina alle 9 (le 8 in Italia), interrompendo i raidsull'enclave palestinese.

Dopo la reazione negativa di Hamas,tuttavia, che continuato a bersagliare lo Stato ebraico conrazzi, nel pomeriggio sono ripresi gli attacchi aerei contro laStriscia di Gaza che Era stato il braccio armato di Hamas, leBrigate Ezzedin al-Qassam, a bocciare ogni ipotesi di tregua."Se il contenuto di questa proposta e' quel che sembra, sitratterebbe di una resa e noi la rigettiamo senza appello".

Netanyahu licenzia viceministro della Difesa

Dalle parole ai fatti, con il lancio di piu' di 80 razzi versoil sud, il centro e il nord di Israele anche dopo la scadenzaper l'entrate in vigore della tregua. Cosi' e' ripresal'offensiva israeliana e in un attacco e' rimasto ucciso un77enne che ha cosi' portato il totale dei palestinesi morti inotto giorni di bombardamenti a sfiorare quota 200. Si conta anche il primo morto israeliano dall'iniziodell'offensiva. Si tratta di un uomo di 30 anni, deceduto dopoessere stato ferito in precedenza da un colo di mortaio vicinoal valico di Erez. La vittima e' stata identificata come un37enne membro di un'associaizone di volontariato israeliana.

Ilpremier israeliano, Benjanim Netanyahu, ha avvertito che cisara' "un inasprimento" dei raid e il ministro degli Esteriisraeliano, Avigdor Lieberman, ha affermato che l'operazioneMargine protettivo si dovra' concludere con "il pienocontrollo" delle forze armate israeliane sull'enclave e hainvitato il Paese a "fermare questo infinito esitare". "Hamas paghera' il prezzo per la decisione di continuare l'escalation" ha affermato il premier israeliano ricordando che "chiunque cerchi di danneggiare Israele sara' a sua volta colpito. Eravamo pronti a risolvere diplomaticamente questo conflitto, ma Hamas non ci ha lasciato altra scelta". Ilpresidente dell'Anp, Abu Mazen, ha espresso sostegno al pianoegiziano e ha lanciato un appello "a tutte le parti" perche'favoriscano la mediazione del Cairo per risparmiare ulteriorivittime al popolo palestinese e "nel supremo interessenazionale".

Domani Abu Mazen sara' al Cairo per incontrare ilcapo di Stato egiziano, Abdel Fattah al-Sisi. Questa sera illeader palestinese ricevera' il ministro degli Esteri, FedericaMogherini, che questa mattina e' arrivata in Israele e,accompagnata dal collega, Avigdor Lieberman, si e' recata adAshdod, citta' fra le piu' bersagliate dai razzi. Da Vienna, ilsegretario di Stato americano, John Kerry, ha condannato "conla massima fermezza" il perdurante lancio di razzi da Gaza e haavvertito che "ci sono grandi rischi persino di un'escalationdelle violenze". Intanto, con un provvedimento a sorpresa,Hamas ha sospeso il transito fra Gaza ed Israele attraverso ilvalico di Erez, bloccando cosi' i giornalisti stranieri e unaventina di malati palestinesi bisognosi di cure in Israele.(AGI)