Isis: Telegraph, Obama blocca invio armi e raid pro-curdi in Iraq

(AGI) - Londra, 2 lug. - Barack Obama ha bloccato i piani deimembri mediorientali della coalizione a guida Usa, che dalloscorso 8 agosto bombardano le postazioni di Isis in Iraq, peraiutare contro Isis i curdi, ai quali impedisce anche chevangano fatte arrivare armi pesanti. E' quanto rivela in primapagina il britannico Daily Telegraph secondo il quale Obama ediversi alleati occidentali, incluso il premier David Cameron,"non stanno dimostrando la leadership strategica necessaria peraffrontare la piu' grave crisi alla sicurezza globale degliultimi decenni"Gli alleati della regione degli Usa, scrive il Telegraph, si

(AGI) - Londra, 2 lug. - Barack Obama ha bloccato i piani deimembri mediorientali della coalizione a guida Usa, che dalloscorso 8 agosto bombardano le postazioni di Isis in Iraq, peraiutare contro Isis i curdi, ai quali impedisce anche chevangano fatte arrivare armi pesanti. E' quanto rivela in primapagina il britannico Daily Telegraph secondo il quale Obama ediversi alleati occidentali, incluso il premier David Cameron,"non stanno dimostrando la leadership strategica necessaria peraffrontare la piu' grave crisi alla sicurezza globale degliultimi decenni"Gli alleati della regione degli Usa, scrive il Telegraph, sisono stufati e hanno detto che ora "faranno da soli" fornendoarmi pesanti ai curdi anche se questo significa Baghdad e gliUsa. Alti funzionari delle petromonarchie sunnite del Golfo edaltri Stati coinvolti nei raid hanno raccontato al Telegraphche "ogni tentativo di persuadere Obama ad armare direttamentei curdi, come parte di un piano piu' vigoroso contro Isis sonofalliti". "Se gli americani e gli occidentali non sono pronti a farenulla di serio per sconfiggere Isisi allora dovremmo trovare(da soli) nuove strade per far fronte alla minaccia", perche'"con Isis che guadagna terreno costantemente noi non cipossiamo semplicemente permettere di attendere che Washingtonsi svegli di fronte all'enormita' della minaccia che dobbiamoaffrontare"", ha detto al Telegraph un alto funzionario di ungoverno arano dell'area. I peshemerga curdi, ricorda il quotidiano, sono stati gliunici a dismostrare capacita' di contrastare Isis,"respingendoli dalla porta di Erbil", con il sostegno dei curdisiriani". Ma lo hanno fatto cone mezzi improvvisati. Il tuttomentre "milioni di sterline di armi comprati da diversi Paesieruopei per armare i curdi sono bloccati dai comandantiamericani che supervisionano le operazioni contro Isis". (AGI) .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it