Isis: "teenager australiano compie attacco suicida in Iraq"

(AGI/REUTERS) - Sydney, 12 mar. - L'Australia sta cercando diverificare un filmato diffuso dall'Isis, e che mostrerebbe unattemtato suicida compiuto in Iraq da un teenager australiano.Lo ha reso noto il ministro degli Esteri, Julie Bishop. Secondol'Isis, nelle immagini appare il giovane, chiamato Abu Abdullahal-Australi, mentre si accinge a farsi esplodere nella citta'irachena di Ramadi. Seguono le fasi della deflagrazione. Imedia australiani avevano di recente parlato di Abu Abdullahal-Australi come dello pseudonimo islamico del diciottenne JakeBilardi. "Confermo che il governo australiano sta cercandoriscontri indipendenti alle notizie secondo cui il diciottennedi

(AGI/REUTERS) - Sydney, 12 mar. - L'Australia sta cercando diverificare un filmato diffuso dall'Isis, e che mostrerebbe unattemtato suicida compiuto in Iraq da un teenager australiano.Lo ha reso noto il ministro degli Esteri, Julie Bishop. Secondol'Isis, nelle immagini appare il giovane, chiamato Abu Abdullahal-Australi, mentre si accinge a farsi esplodere nella citta'irachena di Ramadi. Seguono le fasi della deflagrazione. Imedia australiani avevano di recente parlato di Abu Abdullahal-Australi come dello pseudonimo islamico del diciottenne JakeBilardi. "Confermo che il governo australiano sta cercandoriscontri indipendenti alle notizie secondo cui il diciottennedi Melbourne Jake Bilardi e' rimasto ucciso in un attaccosuicida in Medio Oriente", ha detto il ministro Bishop.Esponenti delle autorita' irachene hanno riferito 13 veicolihanno attaccato postazioni dell'esercito ad Anbar, capoluogoella regione di Ramadi. Non sono stati forniti particolari sueventuali vittime. Secondo lAustralian BroadcastingCorporation, Bilardi, prima di partire per la Siria, halasciato nella sua abitazione ordigni esplosivi rudimentali. Ilministro Bishop non ha fatto commenti su questo particolare. Leforze di sicurezza australiane ritengano che siano 90 icittadini del Paese che combattono con l'Isis e che 20 sianomorti. La scorsa settimana due fratelli adolescenti erano statifermati nell'aeroporto di Sydney da dove tentavano di partireper unirsi all'Isis. (AGI).