Isis: Rohani accusa gli Usa "Nascita califfato e' colpa loro"

(AGI) - New York, 25 set. - Lo Stato islamico e' il fruttodell'opera di "talune agenzie di intelligence che hanno messoun pugnale nelle

Isis: Rohani accusa gli Usa "Nascita califfato e' colpa loro"
(AGI) - New York, 25 set. - Lo Stato islamico e' il fruttodell'opera di "talune agenzie di intelligence che hanno messoun pugnale nelle mani di pazzi" e di "taluni Stati" che hannocreato l'estremismo e adesso "non riescono ad affrontarlo". Loha detto, accusando implicitamente Stati Uniti e gli alleati diWashington nel Golfo, il presidente iraniano, Hassan Rohani,parlando dal podio delle nazioni Unite. "La giusta soluzione"al problema, ha aggiunto riferendosi alla coalizione che stabombardando parti della Siria e dell'Iraq, "arrivaredall'interno della regione e non da un intervento esterno". Intanto, all'indomani della decapitazione di HervelGourdel, l'ostaggio francese in mano ai jihadisti in Algeria,la Francia ha effettuato la seconda raffica di raid aerei sopral'Iraq; e il ministro della Difesa, Jean-Yves Le Drian, non haescluso la possibilita' di fare lo stesso in Siria. La Franciae' in lutto e per tre giorni, da domani, le bandieresventoleranno a mezz'asta. Anche Londra e' pronta a unirsi aibombardamenti contro il 'califfato': il premier, David Cameron,ha convocato per oggi un riunione del gabinetto di governo eper domani, venerdi', il Parlamento. Tanto il vicepremier, NickClegg, che il leader laburista, Ed Miliband, hanno confermatoil sostegno al governo e dunque la Raf potrebbe cominciare ibombardamenti gia' nel weekend. A meno di 24 ore dal dibattito a Westminster, a Londrasono state arrestate nove persone con l'accusa di terrorismo:tra i fermati - di eta' compresa fra i 22 e i 47 anni e che,secondo Scotland Yard, non costituivano una "minacciaimmediata"- un imam fondamentalista, Anjem Choudary, che avevadetto di non avere alcuna simpatia per Alan Henning, l'ostaggiobritannico ancora nelle mani dello Stato islamico. Dopo i nuovi bombardamenti francesi, i primi dal 19settembre, la Francia ha ventilato la possibilita' diestenderli anche in Siria: il ministro Le Drian ha ammesso chel'opzione e' "sul tavolo" poche ore dopo che il presidente,Francois Hollande, l'aveva invece esclusa. Intanto nella nottele forze curde nel nord della Siria sono riuscite a respingerel'avanzata dei miliziani dello Stato islamico a sud di Kobane,la citta' da giorni al centro dell'offensiva jihadista. Propriola situazione nella zona aveva costretto nei giorni scorsi centinaia di migliaia di abitanti della regione a fuggireverso la Turchia. Anche l'esercito siriano ha riconquistato ilpieno controllo di una strategica citta' a nord di Damasco, cheera in mano ai ribelli dal dicembre scorso; e cosi' harafforzato la morsa di Bashar al-Assad attorno alla capitale. Ementre piu' di 120 ulema sunniti di tutti il mondo hannodenunciato, in una missiva inviata al 'califfo' Abu Bakr alBaghdadi, che il suo gruppo Stato Islamico viola i precettidell'Islam, dall'Onu e' arrivata un'ennesima accusa: donne ebimbe irachene, della minoranza yazida, sono state vendute comeschiave, costrette a matrimoni forzati e violentateripetutamente dai jihadisti. L'Onu ha aggiunto che la suamissione in Iraq ha ricevuto la denuncia anche di donne chesono state giustiziate a Mosul: tra di loro ancheun'avvocatessa, Samira Saleh al Naimi che e' stata prelevatacon la forza la scorsa settimana dalla sua abitazione,giudicata da una corte islamica e giustiziata pubblicamente. Lasua colpa? Aver denunciato su Facebook la distruzione di templie luoghi di culto. (AGI).