Iraq: matrimonio "di massa" di 250 combattenti sciiti a Baghdad

(AGI) - Baghdad, 16 giu. - Si e' svolto ieri sera a Baghdad unmatrimonio di massa di 250 combattenti della Mobilitazionepopolare, le milizie sciite coinvolte nella lotta contro loStato islamico (Is). I giovani indossavano uniformi militari euna sciarpa con i colori della bandiera irachena; alcune leragazze portavano il velo, altre uniformi militari e avevano ilcapo coperto da un velo bianco. Il direttore della cooperazioneinternazionale del ministero della Gioventu' e dello Sport,Akram Naeem, ha detto che le autorita' hanno coperto le spesedel matrimonio, pari a circa un milione di dollari, conl'ausilio

(AGI) - Baghdad, 16 giu. - Si e' svolto ieri sera a Baghdad unmatrimonio di massa di 250 combattenti della Mobilitazionepopolare, le milizie sciite coinvolte nella lotta contro loStato islamico (Is). I giovani indossavano uniformi militari euna sciarpa con i colori della bandiera irachena; alcune leragazze portavano il velo, altre uniformi militari e avevano ilcapo coperto da un velo bianco. Il direttore della cooperazioneinternazionale del ministero della Gioventu' e dello Sport,Akram Naeem, ha detto che le autorita' hanno coperto le spesedel matrimonio, pari a circa un milione di dollari, conl'ausilio di Iraqi Airways e di alcune imprese locali estraniere, offrendo a ciascuna coppia una camera da letto, untelevisore e un frigorifero. La cerimonia e' iniziata conl'inno nazionale e un minuto di silenzio in memoria deicombattenti caduti. Durante il rito sono statiintonati canti e recitate poesie della milizia. E' statoesibito anche un grande striscione con lo slogan "verso lafelicita'" con un disegno raffigurante un combattente dellaMobilitazione popolare mentre si dirige verso la sua sposa. "L'uniforme militare e' un grande onore e mi sento felice eorgoglioso di indossarla il giorno del mio matrimonio", hadetto Faleh sid Nuri, 22 anni, originario della provincia diBabilonia, circa 80 chilometri a sud di Baghdad. La sposaSahar, anche lei 22 anni, ha detto che "questo e' il piu'bel vestito da sposa che potessi immaginare e sonoorgogliosa di mio marito e dei suoi amici che oggi sisposano con noi". Fadel Zainal Abidin, originario dellaprovincia settentrionale di Kirkuk ha detto che "ilmatrimonio in abiti militari sottolinea la nostradeterminazione nel combattere lo Stato islamico". (AGI)

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it