In Indonesia 272 scrutatori sono morti di fatica

Altri 1.878 sono ricoverati. Fatale la scelta di accorpare legislative e regionali in una nazione con 193 milioni di elettori

indonesia scrutatori morti

In Indonesia 272 scrutatori sono morti per la fatica, contando i voti delle elezioni dello scorso 17 aprile. Lo scrive la Bbc citando il portavoce della Commissione per le elezioni generali (Kpu), Arief Priyo Susanto. Secondo quest'ultimo, inoltre, altri 1.878 dei 7 milioni che hanno lavorato nella gigantesca macchina delle elezioni si sono ammalati per l'eccessivo affaticamento.

Per la prima volta il Paese, anche per risparmiare, aveva raggruppato le elezioni presidenziali con le legislative e le regionali: in totale negli oltre 800 mila seggi allestiti si è recato l'80 per cento dei 193 milioni di elettori. Numeri importanti che apparentemente hanno avuto effetti sugli scrutatori che, al contrario dei dipendenti pubblici, non vengono sottoposti a visite mediche prima dell'impegnativo sforzo, che consisteva anche in lavoro notturno. 

La commissione elettorale dell'Indonesia prevede di risarcire le famiglie dei deceduti con 36 milioni di rupie, poco più di 2.200 euro, l'equivalente a una paga di un anno al salario minimo, secondo il Nikkei Asian Review. I critici accusano il governo di non essere stato prudente nel combinare le elezioni e creare aspettative non realistiche per il personale temporaneo.

Finora entrambi i principali candidati, il presidente Joko Widodo (che dovrebbe essere in vantaggio) e l'oppositore Prabowo Subianto, hanno dichiarato la vittoria. La Commissione concluderà il conteggio dei voti e annuncerà i vincitori delle elezioni presidenziali e parlamentari il prossimo 22 maggio. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.