Putin vede Kim: "Pronto a riferire a Trump dell'incontro"

incontro putin kim

Il presidente russo, Vladimir Putin, si è detto pronto a riferire al collega americano, Donald Trump, dei risultati dei suoi colloqui con il leader nordcoreano Kim Jong-un. "Non ci sono segreti, ne discuteremo sia con gli americani, che con gli amici cinesi", ha garantito Putin, spiegando che è stato lo stesso Kim a chiedere alla parte russa di informare gli Usa sui risultati del loro summit e sulle questioni per lui problematiche. 

Il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, ha poi spiegato che Mosca riferirà a Washington ma non obbligatoriamente "ad alto livello". Non è necessario, ha sottolineato Peskov, che si parlino i due presidenti, ma i contatti possono avvenire "a diversi livelli". Peskov non ha poi voluto rispondere ai giornalisti che chiedevano se fossero in programma, nel prossimo futuro, contatti telefonici tra il leader russo e il capo della Casa Bianca.

Il summit è il primo tra i due leader e il primo tra Russia e Corea del Nord dal 2011, quando il leader nordcoreano, Kim Jong-il, padre dell'attuale dittatore, incontrò il presidente russo, Dmitry Medvedev.

Kim era arrivato a Vladivostok nel tardo pomeriggio di mercoledì a bordo del suo treno blindato, accompagnato da alcuni alti funzionari, tra cui il ministro degli Esteri di Pyongyang, Ri Yong-ho, e la sua vice, Choe Son-hui. Ad accompagnare Putin, c'erano, tra gli altri, il ministro degli Esteri, Sergei Lavrov, e il consigliere presidenziale, Yuri Ushakov



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.