La California torna a bruciare

Vasti incendi distruggono i boschi intorno a Los Angeles. Almeno 23 le vittime. Le star in fuga dalle ville in fiamme. Trump polemico: "Colpa delle autorità locali"

incendi california malibu trump

Gli incendi che stanno devastando la California hanno fatto almeno 23 morti. Il bilancio, che sabato con 11 morti era già spaventoso per lo Stato americano, si è aggravato con la scoperta di 10 corpi privi di vita a Paradise, la città finora più colpita, e quattro a Concow, nella contea di Butte. Altri due cadaveri sono stati trovati nell'area di Malibu, accerchiata dalle fiamme, che hanno spinto anche le star a evacuare insieme ad altre 250.000 persone di tutte le zone colpite.

Lady Gaga, Kim Kardashian, Cher, il regista Guillermo del Toro: fuggono le star dalle fiamme in California e lasciano le loro tracce su Twitter. Lasciano le case sontuose, le vite agiate, raccolgono precipitosamente le cose e si mettono in fuga dalle fiamme, che avanzano senza fare distinzione di ceto o censo. E raccontano su Twitter paure, sollievo, ma anche dolore.

Intanto il presidente Usa, Donald Trump, ha accusato le autorità della California di una "cattiva gestione assoluta" e ha addossato loro la responsabilità dei devastanti incendi che stanno bruciando in varie parti dello Stato: ha anche minacciato di annullare gli aiuti federali.

Ignorando evidentemente il cambio climatico e il surriscaldamento del pianeta, da Parigi, dove partecipa agli eventi di commemorazione del centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, ha lanciato un'invettiva: "Non c'è alcuna ragione per questi incendi enormi, mortali e costosi in California, tranne il fatto che la gestione forestale è molto scarsa. Migliaia di milioni di dollari sono dati ogni anno e si perdono molte vite, tutto a causa di una cattiva gestione assoluta delle foreste. O vi si pone rimedio ora o non ci saranno più aiuti federali".

Trump venerdì ha garantito aiuti alle aree colpite, generi di soccorso, mezzi aerei e di trasporto, ma ha insistito che non lo rifarà in futuro. Più di 250 mila persone hanno dovuto lasciare le case. Il rogo più violento, e l'unico che finora ha causato vittime, è Camp Fire nel nord dello Stato, che in poco più di 24 ore ha distrutto 28.000 ettari e ha travolto gran parte della città di Paradise, 26.000 residenti, a circa 280 chilometri a nordest di San Francisco. Cinque delle vittime sono state trovate vicino o all'interno dei veicoli bruciati con cui cercavano di fuggire le fiamme, altri tre erano fuori dalle loro abitazioni bruciate, e uno all'interno di una casa. 

incendi california malibu trump

Altri due incendi, più limitati, bruciano più a sud. Uno di loro, Woolsey, è quello che minaccia Malibu, la città delle star; e Thousand Oaks, dove mercoledì sera un ex Marine con problemi mentali ha aperto il fuoco in un bar e ucciso dodici persone. Il terzo incendio, che ha raso al suolo 2.500 ettari, è Hill, che brucia molto vicino a Woolsey, entrambi nella contea di Ventura. I tre incendi si sono propagati molto velocemente a causa della bassa umidità nel suolo e il forte vento: è il micidiale vento di Santa Ana, in genere caldo e polveroso, che spira con direzione nord-est/sud-ovest, attraverso i canyon verso l'oceano, e che in autunno procura spesso incendi, soprattutto nelle aree in cui nei mesi precedenti è caduta poca acqua.

Ora le fiamme si avvicinano a Los Angeles

Le fiamme che bruciano nella contea di Ventura hanno messo in fuga gli abitanti dai ricchi sobborghi di Malibu e Calabasas. Su Twitter o Instagram, molte star hanno condiviso le esperienze, raccontato la paura, ringraziato i pompieri, espresso solidarietà al resto degli scampati. Lady Gaga ha postato immagini terrificanti: "Sono qui, seduta con molti di voi e vorrei sapere se la mia casa è finita in cenere". Kim Kardashian, che ha lasciato la casa con i tre figli perché le fiamme erano troppo vicine, lo ha raccontato su Instagram: "Preghiamo per Calabasas: ero appena tornato a casa dopo un volo da sola. Ho avuto un'ora di tempo per impacchettare tutto ed evacuare la casa". "Sono preoccupata per la mia casa ma non c'è nulla che possa fare. Sono andate in fiamme le case dei miei amici. Non posso reggere il pensiero di non avere più una casa a Malibu, dove ce l'ho da mezzo secolo", ha scritto Cher.

Il regista premio Oscar Guillermo del Toro è scampato al pericolo, ma adesso dice di temere per le sue collezioni. Secondo Tmz, nell'incendio ha perso casa anche Caitlyn Jenner, il patrigno del clan Kardashian e padre delle due sorelle Jenner, un tempo William Bruce Jenner ma che nel 2015 ha annunciato la sua trasformazione ed ora, forte della sua popolarità, è diventata un'ascoltata attivista transgender. E le fiamme adesso si stano avvicinando a Los Angeles, dove già sono stati portati via gli animali dalla zoo. Senza pioggia prevista dal meteo si preannunciano giornate difficili: del resto, secondo i registri ufficiali risalenti al 1932, quattro dei cinque incendi piu' distruttivi nella storia della California si sono verificati proprio negli ultimi sei anni.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it