La guerra di Los Angeles alle cannucce di plastica nei bar

Potranno essere servite insieme ai drink solo su espressa richiesta del cliente, altrimenti arriverà una multa. Il motivo è che, secondo un rapporto di Lonely Whale Campaign, rappresentano il 4% dei rifiuti di plastica del mondo

guerra cannucce plastica

La crociata degli Stati Uniti contro l’uso eccessivo della plastica parte dai bar di Los Angeles, nello specifico dalle cannucce. Il governatore della California Gavin Newsom lo scorso novembre a posto la firma sulla nuova regolamentazione riguardo l’utilizzo di cannucce nei locali dello stato che si affaccia sul Pacifico.

A partire da ottobre potranno essere servite insieme ai drink solo su espressa richiesta del cliente, altrimenti arriverà una multa, non salatissima, che arriva a 25 dollari e non può superare i 300 annui. Il motivo per cui alle cannucce è riservata così tanta attenzione è che, secondo un rapporto di Lonely Whale Campaign, rappresentano il 4% dei rifiuti di plastica del mondo. Ben 500 milioni di cannucce, infatti, finiscono tra i rifiuti ogni anno.

In California, in particolare, hanno rappresentato il sesto elemento più comune tra i rifiuti trovati sulla costa tra il 1998 e il 2006, dietro sigarette, pacchetti alimentari, coperchi, borse e utensili di plastica. Un provvedimento che se può sembrare banale per un bar, e in molti si stanno attrezzando in questo senso per l’adozione di soluzioni biodegradabili come confermato anche da una dichiarazione del consigliere Mitch O'Farrell, diventa quasi rivoluzionario per quanto riguarda i grandi franchising come Starbucks e McDonald's.

Anche loro però in questo senso si stanno muovendo in anticipo in diverse parti del mondo, come Regno Unito e Irlanda dove già oggi non è possibile utilizzare cannucce di plastica. Ma Los Angeles non è la prima città statunitense a prendere questa decisione, anche Seattle e Washington DC hanno aderito alla misura e New York e Hawaii stanno studiando una loro regolamentazione.

L'anno scorso, una ragazza di 16 anni è riuscita a convincere l’Alaska Airlines a smettere di usare prodotti inquinanti per l'oceano come cannucce e bastoncini di plastica per bevande, l’azienda dopo aver preso la decisione ha ammesso di aver utilizzato 22 milioni di cannucce solo nel 2017. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it