Urla "Britain first" e spara, uccisa deputata laburista

Agguato nello Yorkshire, i due fronti sospendono campagna. Bce, Brexit rischio crescita per Eurozona - Il 23 giugno il referendum che può spaccare l'Ue - FOTO

Urla "Britain first" e spara, uccisa deputata laburista
Agguato Brexit spari a deputata laburista Jo Cox

Londra - Sangue sul referendum che fra una settimana dovrà decidere del futuro della Gran Betagna nell'Ue. Un ultranazionalista britannico ha sparato alla deputata laburistaJo Cox, attivista sul fronte del 'no' alla 'Brexit', e l'ha ferita in modo grave. Poche ore dopo il ricovero in ospedale la Cox, 41 anni, è morta.

L'uomo, un 52enne, ha prima accoltellato Jo Cox, poi le ha sparato. Secondo testimoni ha l'aggressore ha urlato Britain first!", cioe' "Prima la Gran Bretagna". "I media stanno disperatamente cercando di coinvolgerci in questo fatto. Britain First chiaramente non e' coinvolto e non incoraggerebbe mai un comportamento di questo tipo" si legge sul sito Internet di Britain First, formazione politica di estrema destra. L'assalitore e' stato arrestato.

 Bce, Brexit rischio crescita per Eurozona

L'attentato è avvenuto a Birstall, nello Yorkshire occidentale. Secondo quanto riporta la Bbc, La Cox, deputata laburista per il seggio di Batley e Spen, è assalita mentre si trovava per strada. Portata in aeroambulanza all'ospedale di Leeds, la Cox è stata subito operata in un ospedale presidiato dalla polizia. La deputata, che ha 41 anni, è madre di due figli e ha un passato da dirigente in Oxfam, la famosa associazione umanitaria. Stava incontrando gli elettori nei pressi della biblioteca comunale. Un testimone oculare ha raccontato: "Un uomo l'ha aggredita, poi ha tirtato fuori una pistola e ci sono stati due spari. Lei è caduta a tera tra due automobili, mi sono avvicinato e ho visto che sanguinava".
Un altro dei presenti, un ristoratore, ha riferito di "un fiume di persone che urlava per strada" e di "momenti concitati". Ulteriori fonti hanno riportato come, dopo aver sparato, l'assalitore abbia tentato di allontanarsi "in tranquillita'" prima di essere fermato dalla polizia, 

Vote Leave, il comitato per la Brexit, ha sospeso la campagna referendaria dopo l'attentato. I pro-Brexit in particolare hanno sospeso il loro tour in autobus in giro per il Regno Unito. Boris Johnson, ex sindaco di Londra e uomo forte della campagna per l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea, ha definito la notizia della sparatoria "terribile" e ha detto "i miei pensieri sono con Jo Cox e con la sua famiglia". (AGI)