Gb: l'uscita dall'Ue costerebbe a Londra 55 mld di stl l'anno

(AGI) - Londra, 23 mar. - La catastrofe di "Brexit", il nomedato all'eventuale uscita dalla Gran Bretagna dall'Uecosterebbe al Regno Unito 2,2 punti di Pil entro il 2030 pari55 miliardi di sterline (76 di euro) l'anno. Cio' per la finedelle clausole commerciali favorevoli che facilitano gli scambitra Paesi intra-Ue. Questa l'analisi del 'pensatoio' Open Europe, riferisce ilDaily Telegraph, che la considera un'ipotesi piuttosto concretadopo che Cameron ha promesso, in caso di nuova vittoria allepolitiche del 7 maggio, di indire un referendum entro il 2017,anciticipabile al 2016, su Londra nell'Ue. Ma Cameron

(AGI) - Londra, 23 mar. - La catastrofe di "Brexit", il nomedato all'eventuale uscita dalla Gran Bretagna dall'Uecosterebbe al Regno Unito 2,2 punti di Pil entro il 2030 pari55 miliardi di sterline (76 di euro) l'anno. Cio' per la finedelle clausole commerciali favorevoli che facilitano gli scambitra Paesi intra-Ue. Questa l'analisi del 'pensatoio' Open Europe, riferisce ilDaily Telegraph, che la considera un'ipotesi piuttosto concretadopo che Cameron ha promesso, in caso di nuova vittoria allepolitiche del 7 maggio, di indire un referendum entro il 2017,anciticipabile al 2016, su Londra nell'Ue. Ma Cameron potrebbe essere costretto ad anticipareulteriormente il referendum: se dalle urne uscisse un risultatodeludente l'Ukip di Nigel Farage giungerebbe in socvcorso delpremier garantando un appoggio esterno al governo ma solo seterra' il voto sulla Brexit prima del prossimo natale. Gliunici a difendere a spada tratta il legame con l'Europa sonogli attuali partner di governo di Cameron, i lib-dem di NickClegg ma che tutti i sondaggi danno in via di estinzione. Anchei laburisti, testa a testa con i Tory, sono europeisti machiedono una riforma di Bruxelles. (AGI) .