Gb: Harry come suo bisnonno Giorgio VI, "ho paura del pubblico"

(AGI) - Londra, 1 dic. - Il principe Harry ha paura di parlarein pubblico. Esattamente come suo bisnonno, re Giorgio VI,padre della regina Elisabetta II e morto nel 1952, anche se inquesto caso il figlio di Carlo e Diana non soffre di balbuzie.La rivelazione e' stata fatta proprio oggi, giornata mondialecontro l'Aids, grazie a una campagna di un'associazione dibeneficenza britannica che ha ingaggiato tante personalita'famose, chiedendo loro di raccontare paure, lati nascosti delleloro personalita' e cose di cui ci sarebbe da vergognarsi,secondo il comune sentire, ma che in realta' sono molto

(AGI) - Londra, 1 dic. - Il principe Harry ha paura di parlarein pubblico. Esattamente come suo bisnonno, re Giorgio VI,padre della regina Elisabetta II e morto nel 1952, anche se inquesto caso il figlio di Carlo e Diana non soffre di balbuzie.La rivelazione e' stata fatta proprio oggi, giornata mondialecontro l'Aids, grazie a una campagna di un'associazione dibeneficenza britannica che ha ingaggiato tante personalita'famose, chiedendo loro di raccontare paure, lati nascosti delleloro personalita' e cose di cui ci sarebbe da vergognarsi,secondo il comune sentire, ma che in realta' sono molto normalie comuni. "Che ci crediate o meno, il mio segreto e' chedivento incredibilmente nervoso prima di parlare in pubblico,non importa quanto grande sia questa folla o questo gruppo diascoltatori", ha detto ripreso dalle telecamere il principe,fratello di William, quarto in linea di successione al tronodel Regno Unito. "E, nonostante il fatto che io rida e scherzisempre - ha continuato - divento incredibilmente nervoso, senon proprio ansioso, prima di entrare dentro quelle stanzepiene di gente quando indosso un abito elegante". La charitySentebale fu proprio cofondata da Harry nel 2006, in Lesotho,durante un suo viaggio in Africa, nel Paese con la terza piu'alta percentuale al mondo di persone sieropositive e malate diAids fra la popolazione. Harry, quindi, propri come Giorgio VI,re del Regno Unito dal 1936 al 1952 (proprio durante ladifficilissima, per il Paese, Seconda Guerra Mondiale), la cuivita fra balbuzie e logopedisti fu raccontata anche nel film'Il discorso del re', diretto da Tom Hooper nel 2010, nel qualeil sovrano fu interpretato da Colin Firth (che vinse il PremioOscar). "E ora che l'ho confessato - ha concluso Harry, che inpassato ha costruito la sua immagine anche su una certaspavalderia e spregiudicatezza - probabilmente avro' ancorapiu' paura delle persone che mi guardano, ma voglio ringraziaretutti quelli che hanno preso parte a questa campagna". .