Turchia: Erdogan, non fissarsi con Ue; meglio il patto di Shangai

Turchia: Erdogan, non fissarsi con Ue; meglio il patto di Shangai
Erdogan (afp)

Istanbul - "Sarebbe sbagliato intestardirsi a voler entrare nell'Ue, la Turchia potrebbe vagliare nuove opzioni, come entrare a far parte del patto di Shangai". Con queste parole il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, di ritorno dall'Uzbekistan, ha risposto alle domande dei giornalisti in aeroporto, affermando che l'ingresso nell'Ue "non puo' rappresentare una fissazione". Il presidente ha poi ricordato che l'aspirazione di Ankara a far parte dell'Unione Europea, risale al 1960. "Come e' possibile rimanere in sala d'attesa 53 anni?" ha polemizzato Erdogan. Il gruppo di Shangai (SCO), un accordo a guida russo-cinese dai risvolti in ambito sia economico che di sicurezza, comprende anche Tajikistan, Kyrgyzstan e Kazakistan, ma ha visto le proprie attivita' e interessi allargarsi a Pakistan, India e Uzbekistan. In bilico la posizione dell'Iran, rispetto a cui Erdogan ha dichiarato che "Putin sta valutando il da farsi".
Non e' la prima volta che Erdogan prospetta l'ingresso della Turchia nello SCO, una prospettiva presentata ogni volta che i negoziati con Bruxelles giungono a un punto morto. Erdogan ha quest'oggi ribadito che la Turchia "aspettera' fino alla fine dell'anno", ma si e' detto contrariato all'idea che siano state facilitate le procedure o aboliti i visti per i cittadini provenienti da Paesi del Sudamerica, "mentre i turchi sono ancora in attesa di una risposta". Allo stesso tempo, il presidente ha ribadito che i 3 milioni di euro promessi dall'Europa, per la gestione della crisi dei rifugiati, non sono ancora stati consegnati.