Il manuale cinese per le donne al volante: né capelli sciolti, né profumi, né malumore

La municipalità di Shanghai pubblica un breviario sessista per chi guida (dopo Kunming, che ha allestito un "parking rosa"). Ma le percentuali statistiche rilevano che fanno più incidenti gli uomini

Il manuale cinese per le donne al volante: né capelli sciolti, né profumi, né malumore
Foto: LIU JIN / AFP 

C'è un capitolo speciale, nel manuale di guida ufficiale della municipalità di Shanghai, dedicato alle donne al volante.

Tra i consigli: niente capelli sciolti né profumi per l'abitacolo. "Anche se i capelli lunghi sono belli, impediranno alle donne che guidano di vedere l'arrivo dei veicoli da entrambi i lati", spiega il testo, come riferisce il portale di notizie Sixth Tone. "Nei casi di emergenza, laddove il guidatore ha bisogno di girarsi, i capelli lunghi non solo bloccheranno la sua visuale, ma si potrebbero anche impigliare ai sedili e allo sterzo", avverte il manuale che sarà distribuito alla fine di questo mese a tutte le famiglie shanghainesi.

Un'altra raccomandazione alle donne: non calzare scarpe con tacchi superiori ai quattro centimetri, non utilizzare profumi per la macchina e non appendere ninnoli allo specchietto retrovisore. Perché?

I profumi all'interno dell'auto potrebbero "causare un'esplosione", mentre i tacchi alti possono compromettere la gestione dei pedali del freno e dell'acceleratore.

Il manuale dedica altre sezioni ai conducenti anziani e a chi guida con passeggeri infanti, ma nessuna sezione è specificamente dedicata ai conducenti uomini, anche se le statistiche ufficiali cinesi attestano che questi ultimi sono coinvolti in più incidenti rispetto alle donne.

 

"Evitare i telefonini e il nervosismo"

Shanghai, che è considerata la metropoli più moderna e più aperta della Cina Popolare, non è l'unica ad avere assunto posizioni sessiste in tema di guida. A Kunming dal mese scorso sono stati istituiti spazi di parcheggio esclusivi per le donne, più ampi del normale. Nella provincia di Jiangsu, l'8 marzo scorso, la polizia ha dato consigli simili a quelli di Shanghai in occasione della Giornata Internazionale della Donna, con la raccomandazione di non telefonare, non scrivere sullo smartphone, non truccarsi e... non stare di malumore quando sono alla guida di una vettura: "Gli stati d'animo dei conducenti tendono a essere facilmente influenzabili. Il vostro cattivo umore - recita il breviario dei vigili - influirà sul rendimento della guida".

Proprio di recente la polizia municipale di Hangzhou, capoluogo della provincia dello Zhejiang, ha reso noto che le donne hanno causato poco più del dieci per cento di tutti gli incidenti registrati in città, benché la loro quota sul totale dei conducenti ammonti al 36%.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it