Tra Usa e Cina è scontro sugli uiguri

La Camera dei Rappresentanti statunitense ha approvato una legge per chiedere sanzioni contro Pechino per la questione dello Xinjiang. "Un errore da correggere subito", tuona il gigante asiatico

Cina Usa  Xinjiang uiguri xinjiang

La Cina esprime forte indignazione e risoluta opposizione al passaggio alla Camera dei Rappresentanti Usa della legge per chiedere sanzioni contro Pechino rispetto alla situazione nella regione autonoma nord-occidentale cinese dello Xinjiang e promette di rispondere, se il provvedimento diventerà legge.

Lo riferisce il ministero degli Esteri cinese in un comunicato diffuso on line. "Esortiamo gli Stati Uniti a correggere immediatamente i propri errori", si legge nella nota a firma della portavoce Hua Chunying, "per impedire che il provvedimento diventi legge e smettere di utilizzare la questione dello Xinjiang per interferire negli affari cinesi. La Cina", conclude il comunicato, "risponderà ulteriormente in base alla situazione".

Il provvedimento è passato alla Camera con 407 voti a favore e uno contrario. Ora la misura dovrà essere sottoposta al vaglio del Senato prima di arrivare sul tavolo del presidente Donald Trump.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it