Secondo la BBC, il governo cinese sta separando i bambini musulmani dalle loro famiglie

Pechino ha lanciato una durissima repressione nello Xinjiang, dove vive la minoranza uiguro-musulmana accusata spesso di terrorismo

cina musulmani 
KE WEI / IMAGINECHINA 
Una donna compra una bottiglia d'acqua da un venditore di strada a Urumqi, città a nordest dello Xinjiang, Cina

In Cina nella regione occidentale dello Xinjiang le autorità stanno separando i bambini musulmani dalle loro famiglie in modo da allontanarli anche dalla loro fede e della loro lingua: lo ha denunciato la Bbc sulla base di una ricerca da cui emerge che in una sol città sono stati ben 400 i bambini sottratti alle proprie famiglie perché i genitori sono rinchiusi nei campi di rieducazione o in prigione. Pechino ha lanciato una durissima repressione nello Xinjiang, dove vive la minoranza uiguro-musulmana accusata spesso di terrorismo. Si stima che siano un milione e mezzo gli uiguri finiti in campi di rieducazione, anche se Pechino ha respinto ogni accusa. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.