Chi parla male di Trump? Caccia alla talpa nella Casa Bianca

Un fiume di indiscrezioni e documenti riservati esce dagli uffici del Presidente e arriva ai giornali. Le fonti sono gli più vicine di quanto si pensi

Chi parla male di Trump? Caccia alla talpa nella Casa Bianca
 Trump

Donald Trump ha accusato i democratici di lavorare per minare la legittimità della sua presidenza, ma dovrebbe cercare altrove: ai burocrati senza volto che fanno trapelare bozze dei suoi ordini esecutivi e informazioni estremamente imbarazzanti su di lui.

Solo negli ultimi due giorni, fonti del governo hanno dato ai giornalisti bozze di ordini esecutivi che tagliano i contributi Usa alle organizzazioni internazionali come le Nazioni Unite, potenzialmente dare luce verde alla CIA per le torture sui sospetti di terrorismo, avviare il processo di costruzione del muro sul Messico e rendere più facile per arrestare e deportare gli immigrati privi di documenti.

Oppure si consideri la gamma sorprendentemente vasta di alti funzionari dell'amministrazione che si sono fatti avanti (in forma anonima) per dipingere Trump nella peggiore luce possibile. Sulla rivista New York (di simpatie repubblicane) Eric Levitz riassume così la situazione: un aiutante di Trump ha detto a Politico.com che il nuovo presidente "si annoia e gli piace guardare la Tv," mentre altri hanno detto al New York Times che "la mancanza di disciplina di Trump ha turbato membri, anche di alto livello della sua cerchia più ristretta".

Lunedì 23 il Washington Post ha pubblicato un lungo racconto che descrive come Trump fosse "visibilmente infuriato" per la copertura data dai media alla poca affluenza per la cerimonia del suo insediamento e, "nonostante le obiezioni dei suoi collaboratori e consiglieri," ha ordinato al capo ufficio stampa della Casa Bianca Sean Spicer di dare una smentita di fuoco e del tutto impreciso. Le fonti del Post? "Una decina di alti funzionari della Casa Bianca e di altri consiglieri e confidenti di Trump".