Charlie Hebdo un anno dopo - Foto

Oggi il primo anniversario della strage

Charlie Hebdo un anno dopo - Foto
L'attentato jihadista al settimanale satirico Charlie Hebdo, dove hanno perso la vita 12 persone (7 gennaio) (Afp)

Roma - La strage di Charlie Hebdo un anno dopo. L'attentato nella sede del giornale satirico a Parigi costò la vita a 12 persone, altre 11 rimasero ferite. 

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel primo anniversario "dell'orribile attacco terroristico", ha inviato un messaggio al presidente francese Francois Hollande per "rinnovare, suo tramite, alle famiglie delle vittime e a tutti i cittadini francesi la mia piu' sentita solidarietà e vicinanza, insieme a quella di tutto il popolo italiano".

Vai alla galleria fotografica

"E' ancora forte in tutti noi - prosegue il capo delloStato - il ricordo incancellabile di quel vile attacco che ha colpito non solo Parigi ma l'Europa intera e i valori di libertà, pace e convivenza che contraddistinguono il nostro modo di vivere, per la difesa del quale Francia e Italia si battono e continueranno a battersi, unite, con coraggio e determinazione ovunque nel mondo".

"In questa triste ricorrenza e a poco meno di due mesi dall'attentato che ha nuovamente colpito Parigi con inaudita ferocia e cinico disprezzo della vita umana, desidero ribadire - riprende Mattarella - il pieno impegno dell'Italia a combattere e sconfiggere la piaga del terrorismo, tutelando al contempo il primato dei diritti fondamentali della persona e promuovendo un ordine internazionale ispirato allo stato di diritto, alla giustizia, allo sviluppo civile e sociale, al dialogo interreligioso e al rispetto delle diversità culturali". "è in questo spirito che, insieme a tutti gli italiani, idealmente - conclude - stringo in un fraterno abbraccio le famiglie delle vittime e l'amico popolo francese". (AGI)