I roghi australiani hanno prodotto tanta Co2 quanto quella di oltre 100 nazioni

È il calcolo fatto dalla rivista del MIT di Boston, che denuncia come queste emissioni di anidride carbonica siano destinate ad alimentare ulteriormente gli effetti dei cambiamenti climatici

Australia roghi C02 pari a oltre 100 nazioni

I roghi che da settimane stanno colpendo la costa orientale dell'Australia avrebbero immesso già nell'atmosfera 400 milioni di tonnellate di anidride carbonica, circa quanta ne emettono ogni anno 116 nazioni tra le meno inquinanti. È il calcolo fatto dalla rivista del MIT di Boston, che denuncia come queste emissioni di anidride carbonica siano destinate ad alimentare ulteriormente gli effetti dei cambiamenti climatici, in un pericoloso circolo vizioso dove gli effetti diventano a loro volta cause di ulteriori peggioramenti delle condizioni climatiche del pianeta.

Secondo Tecnology Review i roghi australiani hanno emesso nell'atmosfera circa la stessa quantità di Co2 emessa in un anno dal Regno Unito, e quasi la metà di quanta ne hanno prodotta in un anno tutti gli aerei che hanno volato nei cieli del mondo nel 2018.

Un dato che, per quanto allarmante, non sarebbe peraltro il peggiore record del continente australiano: l'estensione dei roghi infatti continua ad aumentare di anno in anno a causa della stagione secca e dei forti venti. Nel 2011 e nel 2012 sarebbero stati emessi nell'atmosfera circa 600 milioni di tonnellate di anidride carbonica da settembre a gennaio. Sembra certo pero' che si tratta del record peggiore del Nuovo Galles del Sud, dove finora sono stati bruciati più di 10,3 milioni di ettari dal primo luglio scorso.

Tecnology Review ricorda che il riscaldamento globale non provoca di per sé incendi. Ma l'aumento delle temperature e la diminuzione delle precipitazioni asciugano gli alberi, le piante e il suolo, rendendoli di fatto un combustibile perfetto per gli incendi, rendendoli incontrollabili. E, secondo l'Ufficio meteorologia di Canberra, per scatenare distruzioni di tale portata è bastato che la temperatura media aumentasse di appena un grado centigrado.

Al momento la superficie di foresta bruciata in Australia è circa il doppio di quella bruciata in Amazzonia lo scorso novembre e circa 13 volte l'estensione degli incendi in California: per avere un'idea, è come se fosse bruciata l'intera Corea del Sud. Sono morte finora circa 25 persone e centinaia di migliaia sono stati gli evacuati. I roghi hanno colpito inoltre l'habitat di circa un miliardo di animali, molti dei quali potrebbero essere stati uccisi dalle fiamme.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it