In Francia è stato condannato un intellettuale che ha negato l'Olocausto

Alain Soral, considerato un intellettuale di riferimento per l'estrema destra, è stato condannato ad un anno da un tribunale di Parigi

alain soral olocausto
CREDITLOIC VENANCE / AFP
Alain Soral

Il saggista francese Alain Soral, considerato un intellettuale di riferimento per l'estrema destra, è stato condannato ad un anno da un tribunale di Parigi per aver negato l'Olocausto.

In particolare, Soral aveva pubblicato sul proprio sito il testo del suo legale, nel quale gli orrori del Terzo Reich nei confronti degli ebrei vengono definiti semplice "propaganda di guerra". I giudici francesi sono andati oltre le richieste dell'accusa, che aveva chiesto una pena di 6 mesi. A pesare sulla decisione della corte le precedenti condanne di Soral per incitamento all'odio razziale.

Anche il suo avvocato, Damien Viguier - autore del testo sull'Olocausto - era stato condannato ad una pena pecuniaria di 5000 euro. Soral è famoso per le sue "provocazioni": nel 2015 era stato condannato a pagare 10 mila euro per aver fatto un gesto molto simile al saluto nazista presso il memoriale dell'Olocausto di Berlino. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it