Airbus: Bea esclude esplosione e depressurizzazione

(AGI) - Parigi, 25 mar. - La dislocazione dei resti dell'AirbusA320 non e' compatibile con un'esplosione in aria, secondoquanto ricostruito dalla Bea (l'Ufficio di inchiesta e analisiper la sicurezza dell'aviazione civile) francese. "Ci sarebberoframmenti molto piu' grandi", ha spiegato il direttore RemiJouty. In base alla dinamica dello schianto sarebbe daescludere anche l'ipotesi di una depressurizzazione dell'aereo. "L'aereo ha volato fino alla fine", ha affermato ildirettore della Bea, Remi Jouty. Quanto alla possibilita' chesia siano fermati entrambi i motori, il responsabile francese,durante la conferenza stampa a Parigi, ripresa da FranceInfo, ha sottolineato

(AGI) - Parigi, 25 mar. - La dislocazione dei resti dell'AirbusA320 non e' compatibile con un'esplosione in aria, secondoquanto ricostruito dalla Bea (l'Ufficio di inchiesta e analisiper la sicurezza dell'aviazione civile) francese. "Ci sarebberoframmenti molto piu' grandi", ha spiegato il direttore RemiJouty. In base alla dinamica dello schianto sarebbe daescludere anche l'ipotesi di una depressurizzazione dell'aereo. "L'aereo ha volato fino alla fine", ha affermato ildirettore della Bea, Remi Jouty. Quanto alla possibilita' chesia siano fermati entrambi i motori, il responsabile francese,durante la conferenza stampa a Parigi, ripresa da FranceInfo, ha sottolineato che "e' troppo presto per dirlo...". Sono stati comunque esaminati "tutti i dati meteorologici"relativi al momento dello schianto e non e' stata trovata"alcuna informazione che faccia pensare che ci fosse un fattoreche potesse provocare l'incidente", ha aggiunto il direttoredalla Bea (AGI).