AgiChinaenergy: carbone, domanda globale in rallentamento

(AGI) - Pechino, 16 dic. - La domanda globale di carbone sara'in rallentamento nei prossimi cinque anni, secondo l'ultimostudio della International Energy Agency, l'agenzia pariginache studia i consumi energetici dei mercati sviluppati, e laCina, che del carbone e' il maggiore consumatore mondiale,sara' il principale protagonista di questo trend. Secondo leultime stime approvate dalla Iea, e pubblicate sul "Medium-termcoal market report", la crescita della domanda di carbone dal2015 al 2019 sara' del 2,1%, a 6,5 miliardi di tonnellate,contro un aumento del 2,3% segnalato lo scorso anno per ilperiodo compreso tra il

(AGI) - Pechino, 16 dic. - La domanda globale di carbone sara'in rallentamento nei prossimi cinque anni, secondo l'ultimostudio della International Energy Agency, l'agenzia pariginache studia i consumi energetici dei mercati sviluppati, e laCina, che del carbone e' il maggiore consumatore mondiale,sara' il principale protagonista di questo trend. Secondo leultime stime approvate dalla Iea, e pubblicate sul "Medium-termcoal market report", la crescita della domanda di carbone dal2015 al 2019 sara' del 2,1%, a 6,5 miliardi di tonnellate,contro un aumento del 2,3% segnalato lo scorso anno per ilperiodo compreso tra il 2014 e il 2018. Cina e India - cheentro il 2019 superera' gli Stati Uniti nel consumo di carbone- saranno i Paesi che traineranno i consumi: la Cina crescera'del 2,6% nei consumi, mentre l'India del 4,8%, a un miliardo ditonnellate. In declino, invece, i Paesi membri dell'Ocse, doveil consumo scendera' dello 0,6%, secondo le stimedell'International Energy Agency. In calo anche gli StatiUniti, dell'1,7% al 2019. Gli impegni presi di recente, comel'accordo tra Cina e Stati Uniti sul contenimento delleemissioni raggiunto a Pechino tra Barack Obama e Xi Jinping amargine del vertice Apec, "nei prossimi cinque fallirannonell'arrestare la crescita delle emissioni", ha dichiarato ildirettore esecutivo della Iea, Maria Van Der Hoeven, al lanciodell'ultimo volume pubblicato dall'agenzia parigina. La Cina,spiega una nota emessa dall'istituto, determinera' il destinodel settore ancora per i prossimi anni e, nonostante gli sforziper diversificare il proprio paniere energetico, "il consumocinese di carbone non raggiungera' il picco nei prossimi cinqueanni". .