XINJIANG, SALE A 50 BILANCIO VITTIME PER ATTACCO IN MINIERA

(AGI) - Pechino, 1 ott. - Sale a cinquanta il numero dellevittime per l'attacco a colpi di coltello del 18 settembrescorso in una miniera ad Aksu, nella regione autonoma delloXinjiang, non lontano dal confine con il Kirghizistan. Gliultimi dati sono stati diffusi oggi dall'emittente Radio FreeAsia, sponsorizzata dagli Stati Uniti, mentre altre stime nonufficiali per l'attentato parlano di un numero di vittime moltopiu' alto. A rimanere uccisi o feriti nell'attacco, ha spiegatoun funzionario di polizia a Radio Free Asia, sarebbero statimolti operai che non erano di turno o che stavano dormendo. Trai morti ci sono anche cinque agenti di polizia. Le autorita'locali stanno al momento cercando nove sospetti che sistarebbero nascondendo tra le montagne della zona. A Urumqi,capoluogo regionale, si trovava in questi giorni il presidentedella Conferenza Consultiva Politica del Popolo, Yu Zhengsheng,a capo di una delegazione giunta nella citta' per celebrare isessanta anni dalla nascita della regione autonoma, fondata il1 ottobre del 1955. In un discorso trasmesso in televisione, Yuha definito "molto grave" la situazione locale della sicurezzae ha sottolineato la necessita' di contrastare tutte leattivita' terroristiche. Il governo cinese e' preoccupatosoprattutto per gli atti di violenza attribuibili ai gruppiseparatisti uighuri che operano nella regione e che rivendicanol'indipendenza del territorio dal governo centrale di Pechino. .