Wanggang. Nuove rivolte per la terra

Wanggang. Nuove rivolte per la terra

Pechino, 20 gen. - Circa mille abitanti del villaggio di Wanggang (Guangdong, Cina del sud) si sono  radunati alcuni giorni fa di fronte alla sede del governo della città di Guangzhou a causa di espropri e presunta corruzione. E minacciano una "seconda Wukan".

 

Una nuova protesta nel Guangdong, dove il caso di Wukan, il piccolo villaggio di pescatori che ha ottenuto quanto richiesto, ha fatto ormai scuola. Un migliaio di persone ha presentato una petizione al governo locale chiedendo il compenso per le terre espropriate e le dimissione del capo del partito locale, accusato di usare metodi mafiosi e di essere corrotto.

 

Li Hongding, 32 anni, abitante del villaggio, ha detto che si trattava del loro terzo raduno davanti alla sede del governo: i loro appelli precedenti sarebbero stati ignorati. "Con la forza collettiva dei nostri paesani, vogliamo che la nostra voce sia ascoltata dal governo", ha detto Li. "Il regime comunista nel villaggio Wanggang è chiaramente stato sostituito dal potere corrotto affiliato alle triadi. Se i nostri problemi non sono risolti, Wanggang diventerà una seconda Wukan del Guangdong. La terra è data dai nostri antenati, noi lotteremo fino alla fine per tornare indietro".

 

Xie Xiaodan, appena nominato vice sindaco di Guangzhou, che supervisiona la sicurezza pubblica e le petizioni, è stato inviato a parlare con gli abitanti del villaggio. Cinque di loro sono stati scelti per incontrare Xie all'interno dell'ufficio petizioni di Guangzhou accanto alla sede della città. Alcuni giorni prima, un lungo articolo di Wang, boss regionale del Partito, è apparso sul giornale del Partito Comunista Qiushi (Cercare la Verità). In esso, egli ha sottolineato la necessità di mettere gli interessi della gente prima di tutto. Wang ha scritto inoltre che aumentare la consapevolezza pubblica dei diritti democratici ha fatto sì che il governo "possa essere più scientifico e mirato quando si cerca il bene per il pubblico".

 

I manifestanti nei giorni scorsi "portavano bandiere colorate e striscioni bianchi al Parco del Popolo, denunciando il governo corrotto del villaggio". Gli abitanti del villaggio hanno accusato il segretario del Partito Li Zhihang di esproprio di terre collettive con le quali avrebbe intascato oltre 400 milioni di yuan, sottraendo fino a 850.000 yuan alle cooperative locali. Li Zhihang si è rifiutato di commentare le loro accuse. La polizia di Guangzhou ha cercato di isolare la protesta e giornalisti hanno smesso di parlare di lui.

 

Agli abitanti è stata promessa una risposta entro il 19 febbraio. Qualche centinaia di abitanti del villaggio erano ancora insoddisfatti e hanno effettuato una nuova dimostrazione davanti alla sede del governo anche ieri. Hanno detto che attendono una conferma scritta circa la promessa della risposta entro il 19 febbraio, altrimenti proseguiranno nelle proteste, anche durante il capodanno cinese. "Temiamo rappresaglie quando torneremo a Wanggang",  ha detto un abitante del villaggio. "Li Zhihang è ben collegato con le triadi. Noi abbiamo già assaggiato i loro pugni e il loro bullismo".

 

di Simone Pieranni

 

Questo articolo è apparso su China Files il 19 gennaio 2011

 

ARTICOLI CORRELATI

Wanggang, una seconda Wukan - di China Files

Nuova vittoria per gli abitanti di Wukan

Wukan: le concessioni del governo

Wukan: le proteste proseguiranno

 

 

ASCOLTA L'INTERVISTA DI AGICHINA24-RADIO RADICALE A CLAUDIA ASTARITA