VATICANO, IN CINA ANCORA VIOLAZIONI DELLA LIBERTA' RELIGIOSA

(AGI) - CdV, 18 nov. - "La Santa Sede e' rammaricata per lenotizie provenienti dalla Cina continentale secondo cui uncerto numero di vescovi in comunione con il Papa sono costrettidai funzionari del governo a partecipare ad una ordinazioneepiscopale illecita a Chengde, nel nord-est dell'Hebei,prevista intorno al 20 novembre". Lo afferma il portavoce delPapa, padre Federico Lombardi. "Se queste notizie fossero vere- sottolinea - allora la Santa Sede riterra' queste azioni comegravi violazioni della liberta' di religione e della liberta'di coscienza". "Inoltre - ha proseguito - una tale ordinazionesara' considerata illecita e dannosa per le relazionicostruttive che si sono sviluppate negli ultimi tempi tra laRepubblica Popolare della Cina e la Santa Sede". All'opinione pubblica, padre Lombardi ricorda che ilsacerdote in questione, "padre Joseph Guo Jincai, non haricevuto l'approvazione del Santo Padre ad essere ordinatovescovo della Chiesa Cattolica". "La Santa Sede - conclude -desiderosa di sviluppare relazioni positive con la Cina, hacontattato le autorita' cinesi su tale questione manifestandochiaramente la propria posizione". (AGI).