USA-CINA, HU: "IL DOLLARO E' SUPERATO"

USA-CINA, HU: "IL DOLLARO E' SUPERATO"

Roma, 17 gen.- L'attuale sistema monetario è un prodotto del passato. A sostenerlo è il presidente cinese Hu Jintao in un'intervista concessa domenica al Washington Post e al Wall Street Journal, a soli tre giorni dal vertice previsto per mercoledì nella capitale statunitense che vedrà l'Aquila e il Dragone impegnati sui temi più caldi del momento. "Il contributo offerto dalla Cina al mondo economico è considerevole sia in termini di output che di commercio". E' innegabile che la moneta cinese abbia giocato un "ruolo di primo piano nello sviluppo economico globale", ma "ci vorrà molto tempo prima che lo yuan diventi una valuta internazionale" ribadisce il presidente cinese. Solo qualche giorno fa il segretario del Tesoro americano Timothy Geithner aveva di nuovo avanzato la richiesta di un più repentino apprezzamento del renminbi. Ma dalla Cina nessun segno di ripensamento su quella che da tempo costituisce la principale causa di attrito tra i due Paesi e su cui mercoledì saranno puntati tutti i riflettori.

 

E se per il vertice formale bisognerà attendere fino a mercoledì, quello informale è previsto per martedì sera, quando Hu Jintao e due suoi consiglieri prenderanno parte a una cena a sei nella Old Family Room della Casa Bianca assieme al 'padrone di casa' Barack Obama, al segretario di Stato Hillary Clinton e a uno dei principali consiglieri per la sicurezza nazionale degli Usa Tom Donilon. Un appuntamento "intimo" durante il quale, spiega Donilon, "si potrà parlare a ruota libera" e che è stato già indicato da molti come più importante del vertice stesso. Ma a servire 'l'appetizer' della cena ci ha pensato Hu nella lunga intervista ai due media americani esponendo la sua visione non solo sulla questione dello yuan, ma anche sui rapporti tra i due Paesi, sulle riforme democratiche e sulla tensione tra le due Coree. Temi questi molto probabilmente presenti nell'agenda di Washington, ma non ancora confermati dai due Paesi. 

"Non si può negare che tra la Cina e gli Stati Uniti ci siano enormi differenze e argomenti sensibili, ma entrambe le potenze devono imboccare il sentiero comune della cooperazione e del dialogo per dar vita a una relazione sino-americana di lungo termine, che permetta di superare le differenze".

 

I rapporti tra l'Aquila e il Dragone si sono incrinati nel 2010 a causa di alcune "intromissioni da parte degli Usa" in "questioni nazionali", a iniziare dall'incontro di Obama con il Dalai Lama e proseguendo con la vendita di armi per oltre 6 miliardi di dollari a Taiwan – isola indipendente che Pechino mira a riannettere sotto il dominio cinese -. Una mossa, quest'ultima, che ha causato l'interruzione del dialogo militare tra Pechino e Washington riaperto solo una settimana fa con la visita in Cina del segretario della Difesa statunitense Robert Gates. Un'occasione che il ministro della Difesa cinese Liang Guanglie ha colto al volo per ribadire ancora una volta l'opposizione del governo cinese al riarmo di Taiwan: "Se dovesse accadere di nuovo non è esclusa un'altra interruzione dei rapporti militari". Ed è sempre durante la permanenza di Gates nella 'capitale del nord' che sui media cinesi sono apparse le foto del primo volo dello Stealth J-20: un caccia invisibile di ultima generazione che promette di competere con l'F-22 americano. Un tempismo che molti hanno interpretato come uno  sfoggio di muscoli del Dragone, ma di cui il governo di Pechino si è dichiarato all'oscuro.

 

A fine anno, il Nobel per la Pace al dissidente Liu Xiaobo ha riportato l'attenzione della comunità internazionale sulla questione dei diritti umani in Cina. Ed è su questo tema - su cui Pechino non tollera ingerenze – che gli Usa sembrano calcare la mano. Giovedì Obama ha incontrato alcuni dissidenti cinesi rimasti nell'anonimato - ai quali è stato chiesto in particolare in che modo l'esercizio arbitrario del potere incide sulla quotidianità dei cittadini.

 

Nonostante da Pechino non siano giunti commenti sulla vicenda, sono in molti a ritenere che la scelta di Obama potrebbe influenzare l'andamento dei colloqui sino-statunitensi. Tra la visita del Dalai Lama e il Nobel a Liu si inseriscono il caso Google e il braccio di ferro sull'apprezzamento dello yuan. "Bisogna che la sovranità di un Paese sia rispettata e garantita" ha dichiarato nell'intervista Hu Jintao con un probabile riferimento all'interferenza statunitense su queste questioni.

 

Poi il presidente della Repubblica popolare si è espresso sulle riforme democratiche: "La Cina vuole riformare le istituzioni politiche in vista di uno sviluppo sociale ed economico. Continueremo a diffondere la democrazia tra le persone e saranno salvaguardati gli interessi e i diritti dei cittadini". E dalla tutela dei diritti democratici si passa a quella degli affari: "Sin dal suo ingresso nell'Organizzazione mondiale del Commercio la Cina ha sempre rispettato i suoi impegni abolendo  i regolamenti nazionali considerati incompatibili con le leggi del WTO. Tutte le compagnie straniere registrate in Cina sono imprese cinesi e godono dello stesso trattamento riservato a quelle nazionali". Le parole di Hu sembrano essere una risposta alle critiche mosse alla Cina da Europa e Stati Uniti che lamentano un comportamento scorretto del Dragone su questioni commerciali e di gare d'appalto per le quali Bruxelles e Washington chiedono una maggiore trasparenza.

 

Infine il tema di Hu Jintao sulla "penisola coreana in cui -  grazie alle pressioni cinesi e delle altre potenze – la tensione sta scendendo". "Vogliamo ottenere la denuclearizzazione della Corea attraverso il dialogo. E' per questo che la Cina preme per una riapertura dei Colloqui a sei. Una soluzione che però non convince Washington che chiede a Pechino di esercitare una maggiore influenza su Pyongyang, di cui la Cina rappresenta l'unico alleato".

 

 

di Sonia Montrella

 

ARTICOLI CORRELATI

12, gennaio Dollaro, Corea e yuan: l'agenda di Hu in America

 

TEMI CALDI

 

LEGAMI MILITARI WASHINGTON-PECHINO

 

12 gennaio Gates lascia Pechino: un successo

10 Gates: "Necessaria cooperazione"

12 gennaio Prende il volo il caccia J-20 

30 dicembre Pechino si dota di missili anti-portaerei 

 

ATTACCO ALLO YUAN 

 

14 gennaio, Pechino ribadisce: yuan questione interna 

11 gennaio, Riserve valuta estera da record 

10 gennaio, Avanzo commerciale, giù a dicembre 

16 dicembre, Usa-Cina: copyright avanti, yuan lontano

15 dicembre, Tensione nei colloqui economici tra Usa e Cina 

15 novembre, G20: Sostiene Li Keqiang

12 novembre, G20 di Seul: niente di nuovo sul fronte orientale 

11 novembre, Il Gioco del secolo americano – l'opinione di Geminello Alvi 

18 ottobre, FMI a Shanghai, nessuna tregua

14 ottobre, L'era delle guerre valutarie 

21 settembre, Cina, maggiore spazio nell'FMI

 

24 settembre, Wen e Obama a colloquio sullo yuan

 

 

23 settembre, Wen difende lo yuan, domani il voto Usa

 

 

17 settembre, Yuan: Usa contro Cina al prossimo G20

 

 

 

PECHINO CONTRO LA FED 

10 novembre, Pechino vs. Fed: barriera contro capitali speculativi 

9 novembre, Pechino attacca ancora la politica della Fed 

04 novembre, PBoC contro FED: "rischio stampare dollari"

 

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLO YUAN

14 gennaio, Sì a investimenti esteri in RMB 

14 gennaio, Yuan: la partita del 2011 tra euro e dollaro 

 

TERRE RARE 

29 dicembre, Terre rare: nuova riduzione dell'export 

20 dicembre, Terre rare: export raddoppiato a novembre 

14 dicembre, Terre rare: ancora più care nel 2011

 

22 novembre, Mar cinese orientale: nuovi scontri con Tokyo

 

20 novembre, Tokyo: ripreso il flusso di terre rare 

18 novembre, Monito della Ue alle restrizioni di terre rare

25 settembre, Pechino-Tokyo: Per un pugno di scogli 

 

CRISI COREANA 

26 dicembre, Seul a Pechino; vertice a febbraio 

23 dicembre, Seul pronta a spietato attacco

20 dicembre, Coree: Pyongyang apre all'Onu 

26 novembre, Crisi coreana: cosa farà Pechino? 

25 novembre, Wen richiama alla calma le due Coree 

24 novembre, Pyongyang, la difficile partita di Pechino 

24 novembre, Crisi coreana, Usa al fianco di Seul

 

NOBEL A LIU XIAOBO 

10 dicembre, L'ira di Pechino tra controllo a propaganda 

 

9 dicembre, Arresti e Premio Confucio in risposta al Nobel 

11 ottobre, Nobel, la zampata di Pechino 

5 ottobre, Diritti umani "Made in China" 

 

LA SFIDA CINESE AL MONOPOLIO DEL RATING 

 

13 luglio, Dentro Dagong, l'agenzia cinese di rating 

 

© Riproduzione riservata