Un mare di greggio nel porto di Dalian

L'oleodotto esploso nove giorni fa nel porto cinese di Dalian è stato riparato e le autorità locali hanno quindi deciso di riaprire, anche se solo in parte, lo scalo. Ma le immagini (nella foto pescatori al lavoro nella pulizia del bacino) continuano a mandare in scena uno spettacolo desolante. Le poche imbarcazioni che attraccano devono fendere un spesso strato di greggio. La China Central Television è ottimista: sono oltre 1.500 le tonnellate di petrolio recuperate. Ma la macchia nera si distende ancora su un'area di 430 chilometri quadrati.

25/07/2010