Travolte sette province: 170 morti

Le forti piogge e le alluvioni nelle province meridionali della Cina hanno causato nelle scorse settimane la morte di almeno 170 persone e danni per 700 milioni di dollari. Le truppe di soccorso hanno tratto in salvo centinaia di migliaia di persone. Il Governo di Pechino ha fatto evacuare mezzo milione di persone «in sette province a causa del pericolo di frane e alluvioni lungo il bacino del fiume Azzurro». Dopo la più grande siccità dell'ultimo mezzo secolo le inondazioni nel bacino del fiume Azzurro stanno colpendo le province di Anhui, Zhejiang, Jinagxi, Hubei, Hunan, Sichuan e Guizhou. Due dighe avrebbero ceduto travolgendo due città e 21 villaggi. Secondo le autorità di Pechino le piogge continueranno nei prossimi giorni spostandosi verso il Sud-Ovest del Paese.

21/06/2011