Sipri: Pechino terzo produttore di armi

Roma, 16 mar. – La Cina è il terzo Paese al mondo per esportazione di armi, con un aumento del 143% nel periodo compreso tra il 2010 e il 2014 rispetto al quinquennio precedente. Lo rivela l'ultimo studio del Sipri, lo Stockholm International Peace Research Institute. Nonostante il forte aumento e il sorpasso sulla Germania, che scivola in quarta posizione, la Cina rimane ancora molto indietro rispetto ai primi due Paesi esportatori: Russia (+37% nel periodo compreso tra 2010 e 2014) e Stati Uniti, che si confermano saldamente al comando della classifica, con un aumento delle esportazioni del 23% negli ultimi cinque anni. In totale, Washington mantiene una quota del 31% del commercio globale di armamenti, contro il 27% di Mosca. L'Italia si piazza all'ottavo posto.

Secondo il Sipri, inoltre, Pechino produce molto di più in casa rispetto al passato e ha quindi ridotto le importazioni di sistemi di difesa: tra il 2005 ed il 2009 era il primo acquirente al mondo di armi dall'estero, ora è 'solo' al terzo posto - dopo l'India e l'Arabia Saudita - con una contrazione degli acquisti da Paesi stranieri del 42% Specularmente sul fronte delle esportazioni, negli ultimi 5 anni (2009-2014) le vendite di armi cinesi sono aumentate del 143%.

Tra i migliori clienti di Pechino ci sono il Pakistan, il Bangladesh e il Myanmar: tre Paesi che da soli rappresentano il 75% delle vendite di armi cinesi anche se l'attenzione di Pechino si sta spostando sui loro 'clienti/debitori' africani.

A conferma dell'attenzione che il Dragone riserva all'ammodernamento militare, il portafogli destinato alla difesa cinese è ad oggi secondo solo a quello di Washington. Appena una decina di giorni fa, nel corso dell'Assemblea Nazionale del Popolo, Pechino ha annunciato un ulteriore incremento del 10,1% delle spese militari, portate a 886,9 miliardi di yuan (141,45 miliardi di dollari), contro i 534 miliardi di dollari degli Usa. L'ultimo di una serie di aumenti a due cifre del budget militare degli ultimi 20 anni.


16 marzo 2015

 

 

ALTRI ARTICOLI

 

PBOC, PIU' FLESSIBILITA' CONTRO RISCHIO DEFLAZIONE

 

BACCHETTE INTELLIGENTI PER TENERSI A DIETA E MANGIARE SANO

 

PECHINO PROMETTE PROCESSO "APERTO" PER EX CAPO SICUREZZA

 

LONDRA CHIEDE INGRESSO IN ASIAN INFRASTRUCTURE BANK,USA SECCATI

 

CINA: GOVERNO ESCLUDE IPOTESI QUANTITATIVE EASING

 

APPLE WATCH TAROCCO IN VENDITA SU TAOBAO

 

BRADANINI: ITALIA AIUTERA' CINA SU QUALITA' DELLA VITA

 

CINA-SRI LANKA: SOSPESO PROGETTO NEL PORTO DI COLOMBO 

 

PRODUZIONE INDUSTRIALE +6, 8%, MENO DEL PREVISTO

 

CINQUEMILA LAVORATORI SCIOPERANO A DONGUANG

 

PECHINO, DALAI LAMA ABBANDONI METODI MALVAGI E TORNI AL BENE

 

PECHINO SI PREPARA PER ARRIVO DI SOLAR IMPULSE 2

 

XI JINPING E' "PAPA XI", IL PIU' POP DOPO MAO

 

"NUOVA NORMALITÀ" AL 7% DI CRESCITA, ECONOMIA RIPARTE DALLE START-UP

 

AMAZONA APRE PUNTO VENDITA SU ALIBABA

 

ACQUISTANO ONLINE 3 ISOLE IN MENO DI 12 ORE

 

ANP: SFIDE STRAORDINARIE PER L'ECONOMIA
Crescita al 7% nel 2015, ai minimi da 22 anni

 

PECHINO AUMENTA SPESE MILITARI DEL 10,1%

LI KEQIANG: TOLLERANZA ZERO SU INQUINAMENTO E CORRUZIONE

 

 

@Riproduzione riservata