RIO TINTO: CINA INCRIMINA QUATTRO ADDETTI

(AGI) - Pechino, 10 feb. - Le autorita' cinesi hannoincriminato quattro addetti del colosso minerarioanglo-australiano Rio Tinto. Lo rivela l'agenzia Xinhua. Leaccuse sono di corruzione e di violazione delle leggi sulsegreto commerciale. Tra i quattro e' incluso il responsabiledel gruppo per le relazioni commerciali Stern Hu, dinazionalita' australiana. I quattro sono accusati di "averusato la propria posizione per procurare benefici ad altrepersone e per aver accettato o sollecitato, in diverseoccasioni, tangenti". Hu e gli altri tre addetti di Rio Tintosono in prigione in Cina dal luglio scorso, inizialmenteaccusati di essersi illegalmente appropriati di segreti distato. Il caso ha aperto una dura disputa diplomatica traAustralia e Cina. .