REAL ESTATE: DIMINUISCONO VENDITE A PECHINO E SHANGHAI

Pechino, 12 lug. – Calo nelle vendite nel settore immobiliare di Pechino e Shanghai. Secondo i dati rilasciati dall'Ufficio nazionale di statistica, nei primi sei mesi di quest'anno la superficie di vendita di beni immobili a Pechino è diminuita del 31,5% rispetto alle stesso periodo dello scorso anno, e del 35,8% a Shanghai: le due città sarebbero quindi le principali aree in cui è stato registrato un evidente calo del mercato immobiliare. Tuttavia a fianco di province come Zhejiang e Guangdong, in cui la superficie degli immobili venduti ha subito una riduzione rispettivamente del 12,4% e del 3,2%, numerose sono quelle in cui le vendite sono rapidamente aumentate: del 21,7% ad Hainan, del 68,8% nello Hebei, del 61,4% nello Yunnan e del 40,1% nello Shangdong. Osservando la situazione generale, nel primo semestre del 2010 sono stati venduti in Cina 394 milioni di m² di immobili, con un aumento del 15,4% rispetto agli stessi mesi dell'anno passato, sebbene il tasso di crescita sia nuovamente diminuito di 7,1 punti percentuali rispetto ai 5 mesi precedenti. Il volume di vendite ha superato i 232 miliardi di euro, con un aumento del 25,4% rispetto all'anno passato e una diminuzione del tasso di crescita di 13 punti percentuali. Al fine di frenare l'impennata dei prezzi delle abitazioni in alcune città, che ha determinato in alcune zone una flessione del mercato immobiliare, lo stato ha emesso ad aprile una serie di misure per la regolamentazione e il controllo dei beni immobili.