PROTESTA VETERANI ESERCITO SFILANO IN MIMETICA A PECHINO

Eugenio Buzzetti

 

Pechino, 11 ott. - Centinaia di persone in mimetica militare, veterani ed ex militari dell'Esercito cinese, si sono radunate per diverse ore di fronte al Bayi Building, palazzo della Commissione Militare Centrale, il vertice decisionale delle Forze Armate cinesi, per protestare contro i tagli alle Forze Armate voluti dal presidente cinese, Xi Jinping. La manifestazione, con tanto di slogan e striscioni, e' avvenuta proprio mentre a pochi passi era previsto un ricevimento del ministro della Difesa di Pechino, Chang Wanquan, per gli ospiti dello Xiangshan Forum, il corrispettivo cinese degli Shangri-La Dialogue sulla sicurezza regionale che si tengono ogni anno a Singapore.

 

I manifestanti sono stati accerchiati dalle forze di polizia, giunte sul posto con auto e bus, che hanno bloccato la circolazione nella zona della protesta, la via Fuxing, una delle strade principali di Pechino, non lontano dalla centralissima piazza Tian'anmen. Tra le motivazioni della manifestazione ci sarebbero le incertezze sulla pensione per i veterani e la perdita del posto per gli ex militari dei reparti dell'esercito piu' colpiti dalla riforma, anche se gli uomini in mimetica non hanno voluto entrare nei dettagli della protesta con la stampa straniera.

 

L'esercito cinese e' al centro di una riforma che ne prevede l'ammodernamento, ma anche l'accorpamento dei comandi militari, passati da otto a cinque, e un taglio netto di trecentomila uomini entro la fine del 2017, che prende di mira soprattutto i reparti amministrativi o non operativi in battaglia. Il taglio e' stato annunciato a sorpresa dal presidente cinese, Xi Jinping, durante la parata militare del 3 settembre 2015 per commemorare i settanta anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale e della guerra contro il Giappone, e aveva fatto inarcare piu' di un sopracciglio, all'epoca, come segnalavano alcuni editoriali dubbiosi sulle riforma comparsi sul People's Liberation Army Daily, il quotidiano delle Forze Armate cinesi.

 

La riforma puo' portare al rischio di "instabilita'" sia nell'esercito che a livello sociale, scriveva allora il quotidiano delle Forze Armate cinesi prima di cambiare toni su posizioni piu' concilianti, anche se le manifestazioni di oggi rivelano lo scontento di molti che hanno manifestato nel cuore della capitale cinese.

 

11 OTTOBRE 2016

 

@ Riproduzione riservata