PRIMO SUCCESSO SU UNA SCIMMIA TRANSGENICA

Kunming, 29 ott. - Dopo Stati Uniti e Giappone, la Cina e' ilterzo paese al mondo ad aver allevato una scimmia geneticamentemodificata. Un passo molto importante, sostengono gliscienziati, che potrebbe accelerare la ricerca di cure permalattie come il cancro e l'Alzheimer. Il grande Paese asiaticoe' gia' impegnato da anni nelle ricerche sulla modificazionegenetica, sia per quanto riguarda gli animali, siarelativamente ai prodotti alimentari. Gli esperti hannoutilizzato una proteina fluorescente verde (GFP), sostanzaoriginariamente isolata da una medusa e ora comunementeimpiegata come indicatore biotecnico, per impiantare embrionitransgenici nell'utero della scimmia madre, ha spiegato unricercatore dell'istituto di Zoologia di Kunming. Il successopotrebbe portare a scimmie di laboratorio, utili per fornire unnuovo modello su cui sperimentare cure per le malattie piu'pericolose e meno conosciute. Topi e ratti sono stati ilfondamento del laboratorio pre-clinico, ma la scimmiarappresenta un modello anatomico piu' vicino a quello umano. Lesperimentazioni, tuttavia, com'e' noto sono al centro di unacontroversia internazionale di carattere. .