PRIMO CASO DI TRUFFA SUI VIDEOGIOCHI ONLINE

Hong Kong, 26 giugno - La Hong Kong Customs ha individuato ilprimo caso di violazione dei diritti di copyright suivideogiochi online. Michael Kawn, comandante della CustomsDivisional (corpo d'investigazione per i diritti di copyright),ha dichiarato ai giornalisti che durante l'operazione e' statoarrestato un uomo di 34 anni e sono stati confiscati 5 computere 7 server. Kwan ha dichiarato che gli investigatori avevanogia' ricevuto delle segnalazioni riguardo alla presenza diserver non ufficiali. Approfondendo le indagini gli ufficialidella squadra anti-pirateria informatica hanno trovato un sitoweb il quale avrebbe offerto la possibilita' di scaricarevideogiochi online. Una volta avviato il programma il computersarebbe stato connesso automaticamente al server del giocopirata e all'utente, previa registrazione, offerta lapossibilita' di giocare online. Al momento della registrazionepero', all'utente veniva richiesto di depositare dei soldi suun conto corrente bancario al fine di "accumulare punti". Perevadere i controlli della Customs, il pirata ha fornito unindirizzo IP statunitense, mentre un indirizzo IP (protocollointernet) alternativo registrato in Hong Kong sarebbe servitoper memoria e distribuzione. Gli investigatori sono risalitialla truffa tramite questo secondo indirizzo IP ed hannocondotto all'operazione di sequestro del materiale contaminatoe all'arresto di un uomo sospettato di essere l'ideatore dellatruffa di cui sono stati vittime circa 30000 utenti.