PREZZI CASE ANCORA GIU' A OTTOBRE, LIVELLO PIU' BASSO DAL 2011

Pechino, 18 nov. Scende ancora il mattone cinese e si attestaai livelli piu' bassi dal 2011. A ottobre il calo dei prezzi haregistrato una flessione del 2,5% su base annua, nonostante subase mensile sia sceso solo dello 0,8%. Secondo i datiufficiali, pubblicati martedi' dall Ufficio nazionale diStatistica, il crollo dei prezzi interessa 69 citta' sulle 70prese a campione, ad eccezione della citta' di Zhengzhou, nelsud della Cina, dove i prezzi degli immobili restano invariatirispetto allo scorso mese.Il trend al ribasso prosegue quindi nonostante l allentamentodei limiti imposti da alcuni governi locali all acquisto degliimmobili e introdotti a partire dal 2010, quando il mattone sie' surriscaldato aumentando il rischio dello scoppio di unabolla immobiliare. Il settore immobiliare cinese - in pienosurriscaldamento fino a qualche anno fa- e' entrato in una fasedi recessione a partire dal 2011 a causa di diversi fattori,tra cui le limitazioni imposte dal governo ai prestiti per icostruttori nel tentativo di allentare la corsa dei prezzi.Complessivamente il processo di regolazione continua, ma lasituazione sembra migliore di quanto fosse a meta' di questanno , ha dichiarato Zhu Haibin, chief economist deldipartimento cinese di JPMorgan, societa' finanziaria con sedea New York che prevede che dalla contrazione all espansione iprezzi subiranno una flessione ancora dal 5 al 10%.In calo dell 1.3% i prezzi degli immobili di nuova costruzionea Pechino e dello 0.7% a Shanghai, le due maggiori citta'cinesi. Mentre interessa 67 case su 70 il calo dei prezzi subase annua. ,