POMODORO "ITALIANO" MADE IN CHINA, SEQUESTRATO UN MLN BARATTOLI

(AGI) - Roma, 18 ott. - Maxisequestro di falso pomodoro "madein Italy" ad Angri, in provincia di Salerno. Il locle Nucleoantifrodi del Comando carabinieri politiche agricole ealimentari - in esecuzione del decreto emesso dal Gip delTribunale di Nocera inferiore - ha sequestrato 4.607 quintalidi doppio concentrato di pomodoro, pari a 931.978 barattoli da150 grammi ciascuno, per un valore complessivo di circa 400milaeuro, perche' "confezionati con etichette attestantiindebitamente l'origine italiana del prodotto, in realta'ottenuto dalla lavorazione di triplo concentrato di pomodoroproveniente dalla Repubblica popolare cinese e destinato almercato estero". L'ipotesi di reato riguarda l'etichettatura del prodottofinito, che recava, in varie lingue, la scritta "prodotto inItalia". Ma in questo caso, il prodotto sequestrato - spieganogli investigatori - era stato ottenuto "dalla sola aggiunta diacqua e sale al concentrato cinese e dalla relativapastorizzazione configurando, pertanto, una lavorazioneparziale e non significativamente idonea a conferire l'origineitaliana al prodotto". (AGI) .