PECHINO RENDE PUBBLICHE LE SUE SPESE

Pechino, 21 lug. - Per la prima volta Pechino ha reso pubblico il totale delle spese affrontate per viaggi all'estero, autovetture e cerimonie di accoglienza, finanziati dal governo, in seguito alle numerose richieste dell'opinione pubblica che chiedevano più trasparenza a riguardo.
Nel 2010 il totale ammonta a circa 1,13 miliardi di yuan (121 milioni di euro), ripartiti tra 130 milioni di yuan (14 milioni di euro) per viaggi all'estero, circa 910 milioni di yuan (98 milioni di euro) per l'acquisto e la manutenzione di autovetture e 90 milioni di yuan (circa 10 milioni di euro) per l'organizzazione di cerimonie di accoglienza, e riguarda le spese affrontate dal Partito, dai vari dipartimenti governativi e dalle istituzioni finanziate dal governo.
A comunicare i dettagli delle spese è stato Yang Xiaochao, direttore dell'Ufficio finanziario di Pechino, durante la 26ma sessione del Comitato permanente del 13° Congresso del Popolo della municipalità di Pechino.  
Il Consiglio di Stato aveva invitato alla fine di giugno i suoi 98 ministeri a rendere pubblico il proprio budget su queste tre voci; finora, solamente poco più di 40 hanno risposto.