PAURA IN CAMPAGNA PER ANGURIE-BOMBA, COLPA FERTILIZZANTE

(AGI) - Pechino, 17 mag. - E' allarme nelle campagne cinesi peri campi minati dalle angurie-bomba. E' successo nell'ultimomese nella zona di Danyang, nella provincia orientale delJiangsu, dove i contadini rimasti letteralmente scioccatinell'osservare i loro cocomeri esplodere l'uno dopo l'altromandando in rovina circa 45 ettari di raccolto. A dare lanotizia e' stata la televisione di stato cinese CCTV secondocui l'ingrediente 'esplosivo' sarebbe un agente chimico - ilforchlorfenuron - che ne accelera la crescita. I contadini, ammaliati dalla prospettiva di faciliguadagni, ne avrebbero fatto un vero e proprio abuso spruzzandoil prodotto sui raccolti e assicurando cosi' ai loro frutti unaforma smagliante in vista dell'esordio sul mercato estivo. Unpiano che da perfetto si e' rivelato fallimentare. E i cocomerianziche' occupare il posto d'onore sulle tavole dei cinesi,sono diventati la novita' 'esotica' della dieta di maiali epesci. Liu Mingsuo ha raccontato all'agenzia di stampa cineseXinhua di aver perso piu' di due terzi del proprio raccolto.Liu e' tra i pochi ad aver ammesso di aver fatto uso diacceleratori della crescita chimici. L'uomo ha detto di averaggiunto il prodotto il 6 maggio e a distanza di sole 24 ore il'bollettino di guerra' contava 180 angurie esplose. WangDehong, agricoltore da piu' di 20 anni, ha invece assicurato dinon aver mai utilizzato prodotti chimici. E come lui anche ilresto dei proprietari di questi frutti-bomba. (AGI).