Nuova rivista per la reporter anti-censura

Hu Shuli torna nelle edicole cinesi. Ieri nei chioschi del paese è uscito il primo numero di "Century Weekly" (in basso la foto della copetina), il nuovo settimanale economico-finanziario diretto dalla vulcanica giornalista ideatrice della popolare rivista "Caijing", che ha lasciato alla fine dell'anno scorso dopo un'aspra polemica con la casa editrice. Sull'onda del grande successo riscosso da "Caijing", Hu aveva chiesto maggiori investimenti, un rafforzamento del sito internet e, soprattutto, una maggiore aggressività editoriale a dispetto della censura.
Ma l'editore le ha detto di no su tutta linea. Così Hu si è dimessa da "Caijing" e, insieme a una settantina di suoi collaboratori che l'hanno seguita, ha iniziato una nuova avventura giornalistica con "Century Weekly". Per la sua prima copertina il nuovo settimanale ha scelto subito un tema forte: la condanna a due anni di prigione inflitta a un noto avvocato che ha assunto la difesa di alcuni imputati in un processo di mafia.
L. Vin.

13/01/2010