NUOVA LISTA DI CARATTERI SEMPLIFICATI

Pechino, 9 apr. - Per la prima volta negli ultimi venti anni,la Cina emanera' una lista modificata dei caratteri cinesi inun tentativo di standardizzare una lingua utilizzata damiliardi di persone nel mondo. Wang Ning, vice direttoredell'Istituto di Linguistica sotto l'Accademia Cinese diScienze Sociali (CASS), ha dichiarato alla conferenza alla CASSdi mercoledi' sulla cultura cinese che la nuova lista e' gia'stata completata e che i cambiamenti verranno pubblicati moltopresto. Non ha espresso una data esatta o detto in qualemaniera potra' essere disponibile la lista. "La semplificazionedi alcuni caratteri in realta' rende la loro comprensioneancora piu' difficile in alcuni casi, ed e' questo il problemadi cui ci stiamo occupando in questo momento", ha dichiaratoWang, che ha inoltre aggiunto che la nuova lista coinvolgera'un numero piuttosto piccolo di cambiamenti sui caratteri di usocorrente. Lo scopo e' di renderli piu' facili da apprendere.Giovedi', Wang Dengfeng, vice direttore della Commissione dellaLingua Statale, ha confermato che il Ministro dell'Educazionestarebbe per rilasciare a breve una lista dei caratteririvisitata, ma non ha specificato quando. "Ci stiamo ancoralavorando", ha dichiarato. Lo Stato cinese ha introdotto per laprima volta i caratteri semplificati nel 1956. Ma Taiwan e leregioni di Hong Kong e Macao hanno mantenuto i caratteritradizionali. I caratteri semplificati sono stati ideatidecrescendo il numero di tratti da scrivere. Nel 1986, laCommissione della Lingua Statale ha stilato una lista di 2.235caratteri cinesi semplificati come un modo per standardizzarela forma scritta della lingua. Tuttavia, alcuni cinesi hannorecentemente fatto appello al ripristino dei caratteritradizionali per la "preservazione culturale". Pan Qinglin, unpolitico dell'Unita' Municipale di Tianjin nel nord della Cina,ha avanzato una proposta per la sessione annuale del corpoconsultivo politico di Cina nel marzo di quest'anno. Pan hastimolato il Paese ad abolire l'uso dei caratteri semplificatientro dieci anni, affermando che sacrificano troppo la"qualita' artistica". Entrambi Wang Ning e Wang Dengfeng hannosottolineato che l'ultima modifica ai caratteri non ha nulla ache vedere con il ripristino dei caratteri tradizionali."Tornare ai caratteri tradizionali cinesi significa chemiliardi di cinesi dovrebbero imparare nuovamente la lorolingua madre", ha detto Wang Ning, che ha aggiunto: "Non credoci sia alcun bisogno di ritornare ai caratteri tradizionali. Lanostra priorita' e' quella di migliorare e standardizzare icaratteri semplificati cinesi".