Le imprese di impianti in vetrina a Shanghai

Puntano sulla Cina le imprese italiane del settore dei macchinari. È quanto è emerso ieri a Shanghai dalla presentazione organizzata da Fiera Milano e da Federmacchine, l'associazione di categoria aderente a Confindustria. All'incontro hanno partecipato Alfredo Mariotti, segretario generale Ucimu (l'associazione dei costruttori italiani di macchine utensili, robot, automazione), Claudio Celata, managing director di Assocomaplast (l'associazione dei produttori di machine per la lavorazione della plastica), Claudia Mastrogiuseppe in rappresentanza di Acimit (Associazione costruttori italiani di macchinario per l'industria tessile), Roberto Foresti, direttore commerciale Fiera Milano e Dario Rota, general manager di Hannover Milano Fairs China, società del gruppo Fiera Milano. Ai giornalisti cinesi è stato presentato tutto il comparto italiano evidenziando come negli ultimi anni si siano particolarmente incrementate le relazioni commerciali nel settore tra Italia e Cina, che ha aumentato gli acquisti di macchinari di produzione italiana.
In particolare, Mariotti ha annunciato che Ucimu-Sistemi per produrre, aumenterà la presenza in Cina, aprendo un ufficio di collegamento tra la Cina e l'Italia, con un'attenzione particolare anche a formazione e sicurezza sul lavoro. E Celata, dal canto suo, ha sottolineato che dilagano sui mercati macchine di fabbricazione cinese che non rispettano le normative internazionali di sicurezza sul lavoro ed efficienza.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

16/06/2010