Le gru di Padova conquistano Pechino

PADOVA
Italia e Cina lavorano insieme nel portuale, grazie al contratto di collaborazione biennale siglato tra la padovana Officine Meccaniche Galileo (Omg) e il colosso cinese Sany Port Machinery. Omg (30 milioni di fatturato nel 2010, con un aumento del 40% rispetto al 2009, 150 addetti considerando l'indotto) è specializzata nella progettazione e realizzazione di speciali gru applicate al settore portuale, in grado di facilitare le operazioni di scarico e stoccaggio dei container delle navi che attraversano gli oceani di tutto il mondo. La cinese Sany (55mila addetti e 5 miliardi di euro di fatturato nel 2010) è tra i primi gruppi cinesi per la costruzione e la vendita di macchine industriali e di movimentazione container, oltre che per autobetoniere, compattatori e gru. Sany è ora interessata ad emergere anche nel portuale e si affida al know how, alla storia secolare e alla forza commerciale dell'italiana Omg. «Questa unione strategica ci permetterà di promuovere il settore delle gru portuali a livello internazionale - afferma l'AD di Officine Meccaniche Galileo, Antonio Zanetti - consentendo ad Omg di rientrare fra i leader mondiali nel settore». Il gruppo cinese ha già investito un miliardo di euro per la realizzazione di un'area attrezzata vicino al mare di Hong Kong, dove nasceranno le enormi gru da banchina a marchio "Omg Sany".
«Sany ha bisogno di noi perché nonostante siano conosciutissimi sul mercato cinese, sul portuale non hanno le nostre competenze - prosegue Zanetti -. Allo stesso tempo noi non abbiamo le loro capacità produttive e finanziarie. Insieme contiamo di poter gradualmente produrre da 50 a 100 gru da banchina all'anno. Ognuna sarà venduta ad un prezzo che varia tra i 5,5 e i 6 milioni». Per Omg, una quota parte sulle vendite e il settore service in tutto il mondo.
L'accordo di collaborazione tecnica e commerciale arriva in un momento decisamente favorevole per l'azienda padovana, che ha visto il suo fatturato aumentare del 40% nel 2010 rispetto al 2009. Questo anche perché la crisi mondiale ha mandato a rottame le navi di piccolo tonnellaggio, chiamate Panamax, progettate per attraversare il canale di Panama. Quelle più utilizzate sono invece oggi le post-Panamax e Super post-Panamax, di misura superiore. In funzione delle navi da sempre vengono costruite anche le gru per lo scarico e lo stoccaggio dei container, per cui oggi, essendo a rottame le navi più piccole, c'è molto bisogno di adeguare le gru alle dimensioni delle navi di ultima generazione: Officine Meccaniche negli ultimi anni ha lavorato a pieno regime anche per questo motivo.
Tra le più recenti realizzate da Omg, anche una serie di macchine per i porti liguri, da Genova a La Spezia. Proprio per il porto di La Spezia sta progettando due gru per lo scarico delle Super post-Panamax, navi da 13mila Teu (è l'unità di misura dei container), lunghe circa 500metri e larghe 50.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

15/04/2011