LA "PRIMAVERA CALDA"  DI PECHINO

LA "PRIMAVERA CALDA"   DI PECHINO

Pechino, 13 giu.- Terza notte consecutiva di scontri tra manifestanti e polizia a  Zengcheng, città del Guangdong, nel sud della Cina: secondo quanto riferito da numerosi testimoni a diverse agenzie internazionali, attorno alle 21 di ieri sera circa un migliaio di lavoratori immigrati dalle province interne si sono raccolti sulla via principale e hanno marciato alla volta di Phoenix City, un centro commerciale dove erano schierati in assetto anti-sommossa numerosi reparti della polizia locale.

 

Secondo le testimonianze, ma anche come dimostrano alcune immagini pubblicate su internet e le riprese di alcune tv di Hong Kong, la folla inferocita ha devastato alcuni edifici governativi e rovesciato alcuni veicoli militari. Le forze dell'ordine hanno reagito con cariche e lancio di lacrimogeni. Almeno una dozzina di manifestanti sarebbero stati arrestati.

 

Gli incidenti di Zengcheng, un grosso distretto tessile del comparto di Canton, erano iniziati venerdì sera, dopo che la sicurezza di un centro commerciale - che risponde al governo locale - aveva maltrattato un'ambulante ventenne per  impedirle la vendita dei suoi prodotti. La donna, incinta, è originaria della provincia interna del Sichuan, dalla quale provengono moltissimi degli immigrati interni che lavorano come operai nelle fabbriche della zona. Nonostante il marito dell'ambulante sia comparso in tv per annunciare che la donna e il bambino erano in buone condizioni, gli scontri sono proseguiti anche sabato e domenica. Nella giornata di ieri, secondo diverse fonti, i manifestanti non si sono limitati a scaricare la loro furia contro veicoli e palazzi governativi, ma avrebbero preso di mira anche semplici passanti.

 

Gli scontri di piazza non sono certo una novità in Cina, ma nelle ultime settimane si sta assistendo a incidenti di massa in diverse zone del paese. A Lichuan, nella provincia dello Hebei, Cina centrale, la scorsa settimana i manifestanti sono scesi in strada per protestare contro la morte di Ran Jianxin, ex direttore dell'ufficio anticorruzione locale, che sarebbe morto in seguito alle ferite riportate in un pestaggio dopo aver denunciato alcuni casi di appropriazione indebita ad opera di esponenti dell'amministrazione. Le forze dell'ordine hanno impiegato mezzi corazzati per disperdere la folla, e alcuni dei funzionari legati ai casi denunciati da Ran sono stati arrestati o sospesi.

 

Recentemente i palazzi governativi sono stati presi di mira anche in due separati attentati incendiari. Nel primo, il 26 maggio scorso, nella provincia del Jiangxi gli ordigni rudimentali messi a punto da un uomo che protestava contro il magro indennizzo ricevuto dopo un'espropriazione hanno ucciso tre persone, incluso l'attentatore (dossier Mongolia interna e bombarolo di Fuzhou, ). Il secondo caso si è verificato venerdì scorso a Tianjin, la città della costa a cento chilometri da Pechino, dove due persone sono rimaste ferite.

 

La Cina sta affrontando una "primavera calda"? Finora le autorità hanno risposto utilizzando tanto il pugno di ferro che il guanto di velluto. Nel caso di Lichuan, ad esempio, i funzionari locali hanno organizzato un incontro pubblico per garantire investigazioni approfondite sulla morte dell'ex direttore dell'ufficio anticorruzione.  Da mesi, contemporaneamente, si registra un giro di vite nella repressione di dissidenti, avvocati dei diritti civili e manifestanti, che ha condotto a una delle più vaste ondate di fermi, arresti e restrizioni delle libertà personali degli ultimi anni (dossier Ai Weiwei e dossier "Proteste dei Gelsomini")

 

A generare instabilità contribuiscono soprattutto la situazione economica e l'aumento delle enormi differenze tra i ricchi e il resto della popolazione. I dati ufficiali diffusi dall'agenzia di stampa di stato Xinhua mostrano che nel primo trimestre del 2011 i governi locali hanno innalzato di circa il 20% i salari minimi in 13 diverse province, ma la popolazione deve comunque affrontare continui aumenti del costo della vita: a marzo i dati ufficiali mostravano un aumento dell'indice dei prezzi al consumo del 5.4%, il livello più alto dei 32 mesi precedenti, mentre ad aprile si è assistito a un incremento del 5.3%. I dati sull'inflazione di maggio sono attesi per martedì, ma secondo le previsioni di diversi gruppi di analisti il mese scorso il costo della vita potrebbe essere salito del 5.5%, segnando così un nuovo record.

 

di Antonio Talia

 

©Riproduzione riservata