La Cina vende ancora T-Bond

La Cina si è sbarazzata di altri titoli del Tesoro americano in gennaio: Pechino ha ridimensionato l'ammontare di Treasury in suo possesso di 5,8 miliardi di dollari, scendendo a 889 miliardi. La notizia arriva dopo che la Repubblica popolare aveva già ridotto i titoli di Stato Usa in suo possesso di ben 34 miliardi a dicembre. Non solo: questo è il terzo mese di fila che Pechino alleggerisce il suo portafoglio di titoli di Stato americani. Questa notizia alimenta inevitabilmente i timori sul deficit e soprattutto sul debito pubblico degli Stati Uniti. La Cina è infatti da anni il maggiore acquirente di titoli di Stato a stelle e strisce: di fatto, insomma, la Repubblica popolare è il più grande finanziatore del debito pubblico (e non solo) statunitense. Il fatto che ora riduca gli acquisti – e anzi venda parte dei T-Bond in suo possesso – è dunque percepito con preoccupazione dal mercato: gli Stati Uniti, infatti, quest'anno dovranno emettere molti titoli di Stato per finanziare gli aiuti all'economia, per cui un "raffreddamento" del suo maggiore acquirente è visto con preoccupazione.
Ma tra gli economisti non tutti vedono il bicchiere mezzo vuoto nella scelta di Pechino. Nonostante la riduzione di T-Bond, la grande potenza asiatica si è infatti confermata ugualmente il primo investitore mondiale in titoli di Stato americani. Ri-superando il Giappone, che ha a sua volta ridotto l'esposizione di 300 milioni di dollari a 765,4 miliardi. Questo potrebbe dunque indicare che Pechino non intenda usare la sua posizione nei bond in un braccio di ferro bilaterale. Insomma: è difficile leggere la scelta di Pechino. Sta di fatto che la sua vendita di titoli di Stato Usa alimenta la speculazione e i timori.
Anche perché la tensione tra Washington e Pechino è tornata a crescere negli ultimi mesi su molteplici fronti: dalle valute alla censura a Google, fino allo scontro seguito al fatto che il presidente Obama ha ricevuto il Dalai Lama. In un segno del momento difficile, domenica il premier di Pechino Wen Jiabao ha accusato Washington di protezionismo per gli inviti a rafforzare lo yuan. E ieri un gruppo di 130 deputati sia democratici che repubblicani ha risposto chiedendo all'amministrazione di Barack Obama di far scattare ritorsioni commerciali se la Cina non darà ascolto alle proteste sulla sottovalutazione della divisa.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

16/03/2010