La Cina appoggia la Lagarde: Fmi sempre più vicino

Christine Lagarde è sempre più vicina all'incarico di direttore generale del Fondo monetario internazionale, forte dell'appoggio «quasi pieno» ricevuto dal governatore della Banca centrale cinese, Zhou Xiaochuan. Secondo indiscrezioni, in cambio Pechino si aspetta il sostegno dell'attuale ministro delle Finanze francese a portare il consigliere Zhu Min alla posizione di vicedirettore. Cosa che Lagarde, di recente a Pechino, ha definito «completamente appropriata». Il board dell'Fmi si riunirà oggi per valutare le possibilità dei due candidati, Lagarde e il messicano Agustin Carstens appoggiato da Canada e Australia. Il primo ministro cinese Wen Jiabao intanto prosegue a Berlino il suo viaggio europeo, che ieri a Londra ha portato alla firma di accordi commerciali per un valore di 1,4 miliardi di sterline (1,57 miliardi di dollari). Negli incontri con il premier britannico David Cameron (nella foto mentre invita Wen) è stato ribadito l'obiettivo di aumentare il valore del commercio bilaterale a 100 miliardi di dollari entro il 2015. Tra le intese annunciate, quella che porterà la londinese Diageo ad acquisire il controllo di un produttore di baijiu, liquore cinese di riso. L'offerta per la maggioranza della Shui Jing Fang, uno dei brand più famosi in Cina, è stata approvata dalle autorità di Pechino.

28/06/2011