L'ITALIA DEGLI INNOVATORI: PASSAPORTO PER SHANGHAI

L'ITALIA DEGLI INNOVATORI: PASSAPORTO PER SHANGHAI
Shanghai, 19 mag. – L'inventiva italiana ha il fiato corto? La mostra temporanea in programma dal 24 luglio al 7 agosto al padiglione italiano dell'Expo di Shanghai punta a dimostrare tutto il contrario: si tratta del progetto "L'Italia degli innovatori", un'iniziativa promossa dal Ministro per la Pubblica Amministrazione e l'Innovazione Renato Brunetta e dal Commissario generale del Governo per l'Expo Beniamino Quintieri per esibire "i migliori racconti d'innovazione e eccellenza tecnologica del nostro sistema paese". Lanciato il 3 luglio e chiuso il 30 settembre 2009, il concorso per presentare le proprie opere ha raccolto 375 iscrizioni, per un totale di 454 innovazioni proposte: ogni concorrente, infatti, poteva presentare fino a due progetti. Tra le opere scelte, però, soltanto 265 potranno prendere il volo per Shanghai: i requisiti di base per la partecipazione al bando prevedono la presentazione di progetti sulle innovazioni per le città (costruzione, gestione, organizzazione, conservazione e sviluppo) e invenzioni dedicate a migliorare la qualità della vita dei cittadini, in linea con il tema dell'Expo " Better City- Better Life. Il successo riscosso dal bando ha di gran lunga superato le aspettative: l'ardua 'scrematura' dei progetti è stata affidata ad un comitato tecnico di altissimo livello (composto da Emil Abirascid, Angelo Airaghi, Pierino Gauna, Riccardo Luna, Mario Zanone Poma, Renato Ugo), e la selezione è avvenuta sulla base di vari criteri: aderenza ai temi ispiratori dell'Expo e della partecipazione italiana, originalità, stadio di sviluppo dell'innovazione, prospettive di sviluppo economico e sociale dell'innovazione. Tra i 233 concorrenti,  l'81% è costituito da imprese e consorzi, il 9% da università, il 6% da centri di ricerca, il 4% da parchi scientifici e tecnologici, e per il 24% dei partecipanti "l'Italia degli innovatori" rappresenta la prima esperienza internazionale. Ma la giuria non è composta solo da esperti, e l'ultima parola spetta proprio al cittadino : navigando sul sito Italian Valley (www.italianvalley.it) realizzato dal ministero in collaborazione con la rivista "Wired", si potrà votare l'innovazione più adatta a semplificare la vita.  Dal robot spazzino per la raccolta differenziata a una guida turistica pensata come una caccia al tesoro per lanciare un nuovo modo di scoprire le città italiane, dall'ecografo portatile a una "Galleria degli Uffizi" in 3D, fino a nuovi modelli per l'e-government, l'Italia del futuro è pronta a sbarcare a Shanghai. In attesa di vedere quale invenzione sarà premiata il 31 luglio.

LINK
Italian Valley (per votare il miglior progetto de "L'Italia degli Innovatori"): www.italianvalley.it

© Riproduzione riservata