L'ITALIA CORTEGGIA LA CINA PER ATTRARRE CAPITALI

La Cina sbarca a Milano. Una delegazione di investitori cinesi parteciperà a Eire, la fiera italiana di riferimento per il real estate, in programma dal 5 al 7 giugno in FieraMilano a Rho-Pero. Sarà la prima volta che un gruppo di investitori di Pechino arriverà appositamente nel nostro Paese per analizzare, ed eventualmente finanziare, le opportunità di sviluppo sul territorio.
La missione cinese per valutare il mattone italiano è frutto dell'accordo siglato tra GeFi Spa, società organizzatrice di Expo Italia real estate, e China Milan equity exchange Srl (Cmex), con il supporto di Capital advisors Srl. Cmex è la società licenziataria esclusiva per l'Italia di China Beijing equity exchange (Cbex), primario istituto cinese che opera sotto la supervisione della State assets supervision and administration commission (Sasac), l'agenzia del Consiglio di Stato cinese che vigila sull'amministrazione delle imprese pubbliche. Cbex è il maggiore gestore delle privatizzazioni di imprese pubbliche in Cina e cura oltre 4mila operazioni di M&A all'anno, per un controvalore superiore ai 10 miliardi di euro. Cbex, nell'ottica di estendere la propria operatività anche in ambito internazionale, intende proporre agli investitori cinesi opportunità nel settore immobiliare in Italia.
Gli interessi degli investitori cinesi sul mercato real estate italiano riguardano prevalentemente infrastrutture, logistica, nodi strategici e turismo. Le loro richieste sono spesso veicolate tramite canali istituzionali, come la piattaforma Cbex-Cmex. In alcuni Paesi, come negli Stati Uniti, si è deciso di puntare sull'acquisizione diretta di società, mentre in diverse zone dell'Europa centrale sono state vinte gare per la costruzione di strade e reti ferroviarie. Sull'Italia, il dialogo potrebbe aprirsi anche in merito alla dismissione del patrimonio immobiliare pubblico, oggetto dell'articolo 27 della legge cosiddetta Salva-Italia.
I membri della delegazione cinese in arrivo a Expo Italia real estate saranno ospiti d'onore con servizi unici ed esclusivi a loro dedicati: dall'ospitalità all'interpretariato, dalla personalizzazione delle agende alla riservatezza degli incontri one-to-one.
Quest'anno la fiera, alla sua ottava edizione, sarà sicuramente più sobria, ma capace di centrare la sfida a cui è chiamato il mercato immobiliare. Gli organizzatori hanno scelto di puntare sul business, lanciando gli Investor's days: un centinaio di investitori, italiani e stranieri, parteciperanno alla manifestazione per prendere in esame il panorama di occasioni concrete offerte dal sistema pubblico-privato italiano.
Il comitato scientifico di Eire sta mettendo a punto un programma articolato di incontri, diluiti durante i tre giorni della manifestazione. Al centro il rilancio del Paese, la valorizzazione dei beni del patrimonio pubblico e la trasformazione delle aree degli enti locali e dello Stato. Eire 2012 intende rivolgersi ai dirigenti della pubblica amministrazione, ai manager delle imprese e ai professionisti del settore, partendo dallo studio dell'articolo 27 della legge Salva-Italia.
L'obiettivo è mettere tutti nelle condizioni di cogliere questa occasione di ripresa per il real estate italiano.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

08/03/2012