Inflazione batte aspettative, mercati asiatici in rialzo

Pechino, 14 ott. - I nuovi dati economici della Cina placano i timori degli economisti sullo stato di salute dell'economia cinese e spingono al rialzo le piazze asiatiche. Accelera l'inflazione, in Cina, che a settembre raggiunge l'1,9%, e cresce l'indice di prezzi alla produzione, per la prima volta in territorio positivo, a +0,1%, dall'aprile 2012, un segnale accolto dai mercati come un nuovo passo verso la stabilizzazione della seconda economia del pianeta. Ieri, i dati della bilancia commerciale cinese avevano fatto dubitare gli analisti sulla ripresa di Pechino: i dati del Ministero del Commercio cinese, con le esportazioni in calo del 10% nei dati in dollari, assieme alle attese per il rialzo dei tassi della Federal Reserve entro fine anno, avevano spinto le piazze asiatiche ai minimi delle ultime tre settimane.

Le Borse del continente hanno accolto positivamente gli ultimi dati ufficiali provenienti dall'Ufficio Nazionale di Statistica cinese. Tokyo è andata in pausa in lieve rialzo, a +0,07%, dopo la chiusura di ieri in ribasso dello 0,39%, e alla ripresa segna un rialzo intorno allo 0,2%, mentre Seul avanza  dello 0,5%. Positiva anche Hong Kong: l'indice Hang Seng segna a metà mattina un rialzo dello 0,53%, dopo lo scivolone di ieri, quando ha chiuso a -1,6%. Perde mezzo punto, invece, la Borsa di Shanghai che  metà seduta arretra dello 0,53%, mentre Shenzhen segna un ribasso dello 0,75% prima della pausa. 

 

e.b.

 

14 OTTOBRE 2016

 

@Riproduzione riservata