In Cina otto anni di carcere a un manager americano

SHANGHAI. Dal nostro corrispondente
La giustizia di Pechino colpisce duramente un altro manager "banana" (il soprannome con cui vengono chiamati i cinesi espatriati). Ieri un geologo americano di origine cinese, Xue Feng, è stato condannato a otto anni di reclusione. L'accusa formulata contro di lui è pesantissima: violazione di segreto di stato.
A diffondere la notizia, totalmente ignorata dalla stampa locale, è stata l'ambasciata americana a Pechino. Secondo quanto riferito da quest'ultima, Xue Feng era stato arrestato nel 2007, dopo aver accettato di vendere a una società di consulenza statunitense per la quale lavorava un archivio contenente informazioni sull'attività delle compagnie petrolifere cinesi. Da quel giorno (l'istruttoria è stata molto lunga per le tempistiche della giustizia cinese), il geologo sino-americano si è sempre difeso sostenendo che le informazioni da lui fornite alla Ihs Energy provenivano da database pubblici accessibili a chiunque.
«Siamo costernati dalla durezza di questa sentenza», ha commentato l'ambasciata americana chiedendo un trattamento umano per il geologo quarantaquattrenne. L'appello umanitario non è casuale. I tre anni trascorsi in cella in attesa di giudizio, infatti, per Xue Feng sono stati già un duro calvario. «Mi hanno torturato spegnendomi le sigarette sulle braccia e mi hanno percosso in testa con un portacenere», ha dichiarato il geologo americano tramite il suo avvocato.
Torture a parte, la storia di Xue Feng presenta molte similitudini con quella di Stern Hu, il direttore della filiale cinese del colosso minerario anglo-australiano Rio Tinto, condannato nel marzo scorso a dieci anni di carcere con l'accusa di corruzione e violazione di segreti commerciali.
La prima similitudine è che entrambi i manager sono dei "banana". Se di prima o di seconda generazione non è dato sapere. Comunque sia, però, si tratta di cinesi di nome, lingua e cultura Han, con passaporto straniero in tasca (Pechino non consente agli espatriati di tenere un doppio passaporto), alle dipendenze di società straniere, e con un ottimo network di conoscenze nella madrepatria.
La seconda è che entrambi operavano in settori di elevato valore strategico per il governo cinese. Il petrolio e l'energia nel caso di Xue Feng; i materiali ferrosi nel caso di Stern Hu.
La terza è che entrambi marciranno in una galera cinese sino alla fine del prossimo decennio, senza che sia chiaro cosa abbiano realmente combinato di illegale oltre la Grande Muraglia e di quale reato si siano macchiati.
La violazione di segreto di stato addebitata al geologo americano, per esempio, è un'accusa dai contorni assai vaghi e sfumati. In teoria, per Pechino tutto può rientrare "elasticamente" nella categoria del segreto di stato. Secondo l'interpretazione della sentenza fornita a caldo da Dui Hua (Dialogo, una fondazione che si occupa di problemi legali in Cina), la categoria di segreto di stato è stata applicata ai documenti venduti da Xue Feng all'azienda americana solo dopo che la transazione era avvenuta.
Gli Stati Uniti hanno reagito con forza, dichiarandosi «sgomenti» di fronte alla notizia. Il presidente Barack Obama si era speso personalmente per Xue Feng, chiedendo clemenza al collega cinese Hu Jintao. Molti esponenti dell'amministrazione americana avevano lavorato dietro le quinte per un esito positivo della vicenda. E l'ambasciatore Jon Huntsman ha mostrato di avere a cuore il caso: è andato a trovare Xue durante la prigionia ed era presente al pronunciamento della sentenza. Ma non c'è stato nulla da fare.
ganawar@gmail.com
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE STRANE DATE DELLE SENTENZE



Verdetto a Natale
Il 25 dicembre del 2009 il dissidente politico Liu Xiaobo fu condannato a 11 anni di prigione: una data "sospetta", visto che il processo si era concluso due giorni prima e la sentenza non sembrava aver bisogno di 48 ore di tempo per essere pronunciata. Anche in questo caso, le modalità e la tempistica fanno immaginare una plateale risposta alle pressioni dell'Occidente che invocava giustizia per il dissidente

L'ultimo episodio
Questa volta è toccato a Xue Feng (nella foto): il manager americano di origini cinesi, 44 anni, in carcere dal 2007, è stato riconosciuto colpevole di violazione di segreto di stato e condannato a otto anni di reclusione. Una sentenza emessa il giorno dopo la festa dell'Indipendenza in America, il 4 luglio, quando l'ambasciata americana in Cina è chiusa. La notizia è stato uno schiaffo agli Stati Uniti, che avevano chiesto clemenza per bocca di Barack Obama

Il caso inglese
Negli stessi giorni, mentre in Inghilterra si stava concludendo il weekend del Boxing day (il nostro Santo Stefano), il britannico Akmal Shaikh veniva ucciso con iniezione letale per traffico di droga. Era il primo europeo vittima della pena capitale in Cina in oltre 50 anni. Inutili le richieste del primo ministro Gordon Brown di verificare almeno le condizioni mentali del condannato

06/07/2010